Archivi categoria: Cronaca

Smog, limiti al traffico da domenica

Come ci si attendeva, dopo giorni di superamento dei limiti di concentrazioni delle polveri sottili nell’aria, oggi i sindaci di Pordenone, Porcia e Cordenons hanno disposto l’entrata in vigore delle limitazioni del Piano antismog a partire da domenica 12 gennaio. Secondo le misure del Piano d’azione intercomunale, nel giorno festivo il blocco sarà totale (salvo deroghe). Nei giorni successivi si potrà circolare a targhe alterne, fino alla revoca del provvedimento.

Stante l’attuale situazione di superamento del valore limite di concentrazione delle polveri sottili nell’atmosfera, che perdura da alcuni giorni, i Sindaci dei Comuni di Pordenone, Cordenons e Porcia applicheranno, a partire da domenica 12 gennaio 2014, i provvedimenti di emergenza previsti dal Piano d’Azione Comunale consistenti in:

LIMITAZIONE ALLA CIRCOLAZIONE

dalle ore 9.00 alle 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 18.00

DIVIETO DI CIRCOLAZIONE A TUTTI I VEICOLI NELL’AREA CENTRALE E NELL’AREA ESTESA

Sono comunque esclusi dai provvedimenti di limitazione i veicoli a motore Euro 4 e successivi, a gas GPL e metano e i veicoli con almeno 3 persone a bordo (ulteriori deroghe sono specificate nell’ordinanza sindacale).

Qualora i valori di concentrazione delle polveri sottili nell’atmosfera dovessero mantenersi alti i Sindaci dei Comuni di Pordenone, Cordenons e Porcia applicheranno, per lunedì 13 gennaio 2014, i provvedimenti di emergenza previsti dal Piano d’Azione Comunale consistenti in:

LIMITAZIONE ALLA CIRCOLAZIONE

dalle ore 9.00 alle 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 18.00

DIVIETO DI CIRCOLAZIONE A TUTTI I VEICOLI NELL’AREA CENTRALE (fatta eccezione ai veicoli dei cittadini residenti in abitazioni site al suo interno, solo per spostamenti di uscita o entrata dalla/nella stessa area, fatto salvo il divieto ai non catalizzati e il rispetto della circolazione a targhe alterne vigenti nell’area “E”)

DIVIETO DI CIRCOLAZIONE NELL’AREA ESTESA AI VEICOLI NON CATALIZZATI

CIRCOLAZIONE A TARGHE ALTERNE NELL’AREA ESTESA DEI 3 COMUNI (nella giornata di lunedì 13 gennaio 2014 potranno circolare le targhe dispari).

[leggi tutta l'ordinanza sul sito del Comune di Pordenone]

Leggi anche Le targhe alterne spiegate bene

Targhe alterne da lunedì

Si replica la situazione della settimana scorsa: picchi di polveri sottili a ridosso del weekend e provvedimenti di limitazione al traffico e al riscaldamento procrastinati fino all’inizio della settimana successiva. Sabato sono stati ufficializzati i provvedimenti in vigore da lunedì:

Stante l’attuale situazione di superamento del valore limite di concentrazione delle polveri sottili nell’atmosfera, i Sindaci dei Comuni di Pordenone, Cordenons e Porcia applicheranno, a partire da lunedì 23 dicembre 2013, i provvedimenti di emergenza previsti dal Piano d’Azione Comunale consistenti in:
LIMITAZIONE ALLA CIRCOLAZIONE

dalle ore 9.00 alle 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 18.00

DIVIETO DI CIRCOLAZIONE A TUTTI I VEICOLI NELL’AREA CENTRALE (fatta eccezione ai veicoli dei cittadini residenti in abitazioni site al suo interno, solo per spostamenti di uscita o entrata dalla/nella stessa area, fatto salvo il divieto ai non catalizzati e il rispetto della circolazione a targhe alterne vigenti nell’area “E”)

DIVIETO DI CIRCOLAZIONE NELL’AREA ESTESA AI VEICOLI NON CATALIZZATI

CIRCOLAZIONE A TARGHE ALTERNE NELL’AREA ESTESA DEI 3 COMUNI (nella giornata di lunedì 23 dicembre 2013 potranno circolare le targhe dispari).

Sono comunque esclusi dai provvedimenti di limitazione i veicoli a motore Euro 4 e successivi, a gas GPL e metano e i veicoli con almeno 3 persone a bordo (ulteriori deroghe sono specificate nell’ordinanza sindacale).

Leggi tutte le disposizioni sul sito del Comune di Pordenone.

Chi e come può circolare? Leggi le targhe alterne spiegate bene.

Revocate le targhe alterne, valori nei limiti

Sono state revocate dopo poche ore le limitazioni al traffico nei comuni di Pordenone, Cordenons e Porcia:

Considerato il rientro nei limiti dei valori medi delle polveri sottili, i Sindaci dei Comuni di Pordenone, Cordenons e Porcia  hanno deciso di revocare, a partire dalle ore 14:30 di oggi 16 dicembre 2013, le limitazioni alla circolazione stradale nonché le altre restrizioni previste dall’ordinanza sindacale.

Leggi la comunicazione integrale sul sito del Comune di Pordenone

PAC_mappa

Le targhe alterne spiegate bene

Ecco che cosa si può e non si può fare nella pratica, quando sono in vigore i divieti previsti dal Piano d’azione comunale contro l’inquinamento atmosferico.

Quando si può circolare:

  • le limitazioni alla circolazione sono in vigore dalle 9 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18, sia nei giorni feriali che nei giorni festivi, fino a sospensione del provvedimento.

Chi può circolare:

  • i veicoli catalizzati di categoria Euro 4 o superiore, i veicoli alimentati a metano o Gpl, i veicoli a motore elettrico e i motocicli di categoria Euro 3 possono circolare sempre;
  • i veicoli con almeno 3 persone a bordo, anche se non catalizzati, possono circolare sempre;
  • i veicoli catalizzati appartenenti alle categorie Euro 1, Euro 2 o Euro 3 possono circolare soltanto nei giorni feriali e a targhe alterne (nei giorni pari le targhe pari, nei giorni dispari le targhe dispari);
  • ulteriori deroghe sono previste per servizi pubblici, servizi socio-sanitari, accompagnamento di persone con ridotta autonomia, servizi e trasporti particolari (così come descritti nel Piano d’azione comunale);
  • i veicoli non catalizzati devono restare fermi.

Dove si può circolare:

  • l’area sottoposta alle restrizioni (“Area E”, estesa) è compresa tra l’autostrada, la ferrovia, il Noncello, la Statale 13 e i confini con Porcia e Cordenons (ma fai prima a vedere la mappa);
  • per le vie interne al “ring” (“Area C”, centrale) non vale il criterio delle targhe alterne, il transito è dunque sempre vietato in via De Paoli, via Caboto, corso Garibaldi, via Damiani, via Mazzini, Borgo Sant’Antonio, viale Martelli, viale Cossetti, piazza Risorgimento, via Santa Caterina, via Trento, via Trieste, via Cavallotti, via Beato Odorico, via Brusafiera per citare le più importanti (i residenti possono circolare nei giorni feriali, ma solo per entrare o uscire dal centro storico);
  • parcheggiando all’Ospedale civile, alla Fiera o al centro commerciale Meduna, le cui vie d’accesso sono percorribili, si può utilizzare la Linea Rossa (orari) per raggiungere il centro città;
  • le misure anti-smog sono applicate in modo omogeneo anche a Cordenons (dettagli) e Porcia (dettagli).



Come capisco a quale categoria Euro appartiene il mio veicolo?
Si può interrogare il database delle classi ambientali sul Portale dell’automobilista, è sufficiente inserire la targa dell’autoveicolo o del motoveicolo.

Come capisco se la mia targa è pari o dispari?
Fa fede la cifra che compare più a destra: se termina con 0, 2, 4, 6, 8 la targa è pari, se termina con 1, 3, 5, 7, 9 la targa è dispari.

Smog, limitazioni al traffico da lunedì

A causa del superamento dei limiti di concentrazioni delle polveri sottili nell’atmosfera, i sindaci di Pordenone, Cordenons e Porcia hanno annunciato limitazioni al traffico e al riscaldamento a partire da lunedì 16 dicembre:

LIMITAZIONE ALLA CIRCOLAZIONE

dalle ore 9.00 alle 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 18.00

DIVIETO DI CIRCOLAZIONE A TUTTI I VEICOLI NELL’AREA CENTRALE (fatta eccezione ai veicoli dei cittadini residenti in abitazioni site al suo interno, solo per spostamenti di uscita o entrata dalla/nella stessa area, fatto salvo il divieto ai non catalizzati e il rispetto della circolazione a targhe alterne vigenti nell’area “E”)

DIVIETO DI CIRCOLAZIONE NELL’AREA ESTESA AI VEICOLI NON CATALIZZATI

CIRCOLAZIONE A TARGHE ALTERNE NELL’AREA ESTESA DEI 3 COMUNI (nella giornata di lunedì 16 dicembre 2013 potranno circolare le targhe pari).

Sono comunque esclusi dai provvedimenti di limitazione i veicoli a motore Euro 4 e successivi, a gas GPL e metano e i veicoli con almeno 3 persone a bordo (ulteriori deroghe sono specificate nell’ordinanza sindacale).

Ulteriori dettagli e limitazioni sono disponibili sul sito del Comune di Pordenone.

Sciopero, gli aggiornamenti in diretta


Aggiornamenti anche su Pordenoneoggi.

Assolti Vanin e Pnbox: non è giornalismo

La sezione penale del Tribunale di Pordenone ha assolto mercoledì mattina con formula piena Francesco Vanin, in quanto amministratore unico della webtv Pnbox, dall’accusa di esercizio abusivo della professione giornalistica. Secondo il giudice Eugenio Pergola il fatto non sussiste. Le motivazioni della sentenza saranno pubblicate entro 45 giorni.

Era stato lo stesso pubblico ministero, Viviana Del Tedesco, a chiedere l’assoluzione perché nelle prove raccolte e in seguito all’ascolto dei testimoni dell’accusa nel corso della prima udienza è apparso chiaro come l’attività di Vanin e della sua webtv sia configurabile come semplice attività commerciale legata alla comunicazione e non attività critica di selezione giornalistica.

È stata un’udienza molto rapida, limitata all’esposizione delle arringhe dell’accusa e della difesa, quest’ultima rappresentata dagli avvocati Guido Scorza e Alessandro Magaraci. Non sono stati ascoltati né i testimoni della difesa né l’imputato.

La vicenda era nata nel 2010 da una segnalazione alla procura pordenonese da parte dell’Ordine dei Giornalisti del Friuli Venezia Giulia, che aveva ravvisato nell’attività di Pnbox degli estremi della professione giornalistica nell’attività, in assenza delle prescizioni di legge (registrazione della testata e presenza di un direttore responsabile). Vanin ha sempre dichiarato di non solo di non fare giornalismo, ma di non avere nemmeno la volontà di farlo. Le indagini della procura hanno portato alla doppia archiviazione per i dipendenti della webtv, la cui posizione è stata giudicata regolare anche dagli ispettori dell’Inpgi, l’ente previdenziale dei giornalisti. Il solo Vanin è stato rimandato a processo, ma nel corso del dibattimento non sono emersi elementi di prova a supporto delle tesi dell’accusa.

Il caso aveva sollevato molto interesse a livello nazionale, perché un’eventuale condanna della webtv avrebbe avuto ripercussioni imprevedibili sull’inquadramento giuridico delle attività di informazione spontanea attraverso i social network.

Mercoledì torna in tribunale il caso Pnbox

Mercoledì 11 luglio alle 12 al Tribunale di Pordenone è in programma la seconda udienza del processo che vede imputata la webtv pordenonese Pnbox per esercizio abusivo della professione giornalistica, in seguito alla denuncia dell’Ordine dei Giornalisti del Friuli Venezia Giulia. Sarà il giorno dei testimoni della difesa e della deposizione dell’unico imputato rimasto, ovvero l’amministratore delegato Francesco Vanin (per tutti i redattori è stata chiesta l’archiviazione prima dell’inizio del procedimento). È possibile che al termine dell’udienza si arrivi direttamente alla sentenza.

Su Facebook Francesco Vanin sta invitando amici e sostenitori a partecipare all’udienza, sottolineando – seppure in modo ironico – le implicazioni del suo caso sulla libera espressione delle persone su internet e sui social network.

Mercoledì prossimo al Tribunale di Pordenone, forse si arriverà all’esito finale: io micro imprenditore liberale attaccato dall’ordine dei giornalisti. La posta in palio è 6 mesi di carcere per me e imputazione possibile da lì in poi per tutti gli iscritti a fecebook, youtube, twitter, per i blogger ecc., ovviamente persone normali senza tesserino di giornalista in tasca. Questo perchè il capo di imputazione è che secondo loro faccio il giornalista (abusivo) “…diffondendo gratuitamente notizie destinate a formare oggetto di comunicazione interpersonale specie riguardo ad avvenimenti di attualità politica e spettacolo relativi soprattutto alla provincia di Pordenone”. Quindi chiunque racconti sistematicamente (?) qualcosa che riguardi il luogo dov’è o dov’è stato rischia 6 mesi 6. Cioè tutti. L’ingresso è libero e gratuito, l’uscita per me potrebbe essere posticipata (6 mesi per l’appunto). Anche se sono piccoletto mi batterò senza timore della casta, tutt’altro. Siete tuttinvitati