Archivi tag: Andrea Cabibbo

Consiglio comunale del 9 luglio

Lunedì alle 18 è convocato il Consiglio comunale di Pordenone. All’ordine del giorno, oltre alla discussione di interrogazioni e mozioni, tre delibere della giunta: l’approvazione della variante urbanistica che apre un nuovo collegamento viario su via Caboto per l’area della nuova Questura (già approvata il 7 maggio), l’aggiornamento regolamento per i sistemi di videosorveglianza.

Vedi i resoconti delle sedute precedenti.

§

18.20 – Il sindaco Pedrotti apre informalmente la seduta per presentare un ospite speciale. Si tratta di Michele Pontrandolfo, di ritorno dalla prima attraversata totale della Groenlandia. La spedizione è stata sostenuta tra gli altri proprio dall’amministrazione comunale. Nel suo intervento Pontrandolfo condivide con abbondanza di superlativi le difficoltà della sua impresa polare, mentre sullo schermo scorrono alcune immagini dei suoi sforzi sul ghiaccio. Un applauso suggella la sua partecipazione e la promessa di riprovare ancora una volta l’attraversata del Polo Nord, fallita l’anno scorso [VIDEO].

18.40 – Nisco Bernardi apre i lavori del Consiglio. Sono assenti i consiglieri  Bonato, Amarilli e Biason. Riprende la parola Claudio Pedrotti, che dà conto di prelievi dal fondo di riserva per 15.000 euro per portare la fibra ottica alla scuola media Pasolini e per l’estensione della videosorveglianza. Mara Piccin (Lega Nord) chiede i motivi che hanno spinto la giunta a investire su quella specifica scuola e se tutte le altre scuole siano già raggiunte dalla fibra. Pedrotti spiega che in quel plesso è in corso un progetto sperimentale per portare la rete in ogni classe e che la vicinanza a via Nuova di Corva rendeva agevole portare i cavi fino all’istituto. Loris Pasut (Il Ponte) chiede al sindaco di presentare il segretario dell’assemblea. Pedrotti spiega che si tratta di Primo Perosa, sostituto del segretario generale Paolo Gini, che si trova in ferie fino al 18 luglio. Infine Bernardi comunica l’ordine dei lavori concordato dai capigruppo: si esamineranno le delibere, quindi le mozioni fino all’orario limite delle 22.30 (niente interrogazioni, dunque) [VIDEO dal minuto 19:50].

18.50 – La prima delibera (22/2012) riguarda la modifica del regolamento del servizio di videosorveglianza sul territorio comunale. L’assessore alla sicurezza Flavio Moro introduce le variazioni introdotte, alla presenza del comandante dei vigili urbani Buranel. Marcello Passoni (Pd) chiede qualche approfondimento sull’uso e sui risultati della rete di telecamere installate. Buranel spiega come le immagini siano state finora utili soprattutto per trovare i responsabili di vandalismi e atti di degrado o per accertare la dinamica di incidenti. Andrea Cabibbo (Pdl) chiede per quanti giorni sono conservate le immagini ed entro quanti giorni sono mantenute le immagini. Attualmente le immagini sono conservate per tre giorni, spiega Moro, il nuovo regolamento porta questo termine a sette giorni. In caso di richieste specifiche dell’autorità giudiziarie la conservazione può essere anche superiore. Loris Pasut (Il Ponte) chiede se è previsto un miglioramento tecnologico, in particolare riguardo alla definizione dell’immagine. Due i percorsi previsti dall’amministrazione a riguardo, dice Moro: il primo è il collegamento in fibra ottica degli impianti e il secondo, per cui si sta verificando la disponibilità della Regione, è la sostituzione degli impiani più vecchi tra quelli installati. Francesco Ribetti (Pdl) chiede lumi sull’articolo del regolamento che attribuisce alla Giunta comunale il controllo sui sistemi. Moro risponde che è una decisione della giunta stessa, ma sottoposta al vaglio della Commissione sicurezza. Giovanni Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) chiede perché la delibera non è stata passata al vaglio delle circoscrizioni, Moro risponde che non ne è stata ravvisata la necessità [VIDEO].

19.00 – Mentre è in corso la discussione sulla videosorveglianza, il Pdl presenta una mozione urgente, sottoscritta anche da Lega Nord, Nuova Pordenone e Giannelli del Gruppo Misto, che chiede al sindaco di non procedere alla sostizione dell’assessore Chiara Mio, dimessasi nei giorni scorsi, ma di redistribuire le deleghe all’interno della Giunta comunale, per garantire un risparmio all’amministrazione.

19.05 – Esauriti i chiarimenti, Gregorio Martino (Pd) apre la discussione sul nuovo regolamento per la videosorveglianza, sottolineando l’importanza di questi impianti anche in recenti fatti di cronaca e anticipando il pieno sostegno del suo partito [VIDEO]. Anche Francesco Ribetti (Pdl) ammette il contributo importante che i sistemi di videosorveglianza stanno dando alla sicurezza, ma insiste sull’opportunità che le decisioni sul loro utilizzo non spettino esclusivamente alla giunta comunale ma coinvolgano anche il Consiglio [VIDEO]. Matteo Loro (Pd), infine, porta l’attenzione sul rispetto della privacy [VIDEO].

19.15 – Dichiarazioni di voto [VIDEO]. Secondo Giovanni Zanolin si impone una nuova riflessione sui diritti (in particolare di privacy) dei cittadini, ma apprezza il lavoro dell’assessore e dei tecnici e preannuncia il voto favorevole de Il Ponte. Giovanni Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) critica aspramente la scelta di non coinvolgere le circoscrizioni e rinuncia per protesta alla votazione, estraendo la tessera dal sistema informatico dell’aula consigliare. Roberto Freschi (Vivo Pordenone) e Gianantonio Collaoni (Il Fiume) traccia un bilancio tra pro e contro, annunciando i voti positivi dei loro gruppi. Francesco Ribetti apprezza i passi avanti del regolamento, ma non li ritiene sufficienti. Critica anche l’accesso ai fondi regionali, che dovrebbero essere lasciati ai privati. Anticipa dunque l’astensione del Pdl. Si vota: 28 voti favorevoli, 8 astenuti, la delibera è approvata [VIDEO].

19.30 – Mozione d’ordine di Francesco Ribetti (Pdl), che chiede l’anticipazione delle due delibere rimanenti, per consentire a Emanuele Loperfido, in procinto di lasciare l’Aula per altri impegni, di partecipare alla votazione del nuovo collegio dei revisori. Sentito un intervento contrario (Bianchini, Il Fiume) e uno a favore (Dal Mas, Pdl), si apre la votazione, che dà esito contrario. Proteste dai banchi dell’opposizione [VIDEO].

19.40 – Con la seconda proposta di delibera (23/2012), l’assessore all’Urbanistica Martina Toffolo prende atto che non sono intervenute osservazioni e opposizioni sulla variante 67 per la sistemazione dell’area ex Birreria e chiede al Consiglio l’approvazione [VIDEO]. Non si sviluppa discussione fino alle dichiarazioni di voto [VIDEO], quando un Walter De Bortoli (Pdl) alterato, che protesta per il modo con cui l’amministrazione chiede di votare delibere che poi disattende, come a suo dire nel caso del piano per via Cappuccini. Quindi è Francesco Giannelli (Gruppo misto) a protestare, imputando al presidente Bernardi di non aver protetto i regolamenti lasciando che De Bortoli parlasse a prescindere dal tema in discussione e polemicamente abbandona l’aula. Mauro Tavella (Nuova Pordenone) si chiede perché l’amministrazione non voglia prendere in considerazione la realizzazione di una rotonda davanti all’area della questura, invece di creare un anello a senso unico che coinvolge via Caboto. Comunque si vota: 22 favorevoli, 9 contrari, 3 astenuti, la delibera passa [VIDEO].

19.50 – Terza delibera (24/2012) sulla nomina del collegio dei revisori per il triennio 2012-2015. Viene introdotta dal sindaco Pedrotti. Marco Salvador (Il Fiume) propone a nome della maggioranza Guido Turian e Maurizio Pivetta. Francesco Ribetti (Pdl) presenta la candidatura di Giuseppe Rivaldo. Mara Piccin (Lega Nord) propone Monica Deotto. Così la votazione (palese): Taurian 22 voti, Pivetta 21, Rivaldo 6, Deotto 4, astenute le opposizioni di centrosinistra. Eletti, dunque, Taurian, Pivetta e Rivaldo. Si vota la delibera: 28 voti favorevoli, 3 astenuti [VIDEO].

20.20 – Si passa alle mozioni. Assenti Loperfido e Giannelli, le cui mozioni erano in cima alla lista, si comincia con la 2/2012 della maggioranza sul Consorzio universitario. È il sindaco Pedrotti ad aggiornare il Consiglio sul percorso avviato dal consiglio di amministrazione per migliorare la governance dell’ente, alla luce del quale chiede ai proponenti di rinviare la discussione a settembre, quando un dibattito politico sul futuro universitario in città sarà quanto mai opportuno. Concorda Tomasello (Pd). Giovanni Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) chiede che non si usino due pesi e due misure, dunque come avvenuto nel corso delle sedute precedenti pretende che la mozione sia discussa o ritirata. Chiede inoltre a Pedrotti che sia lui a sottoporre l’argomento al Consiglio e non la maggioranza a suggerirne la discussione. Anche Francesco Ribetti (Pdl), Riccardo Piccinato (Lega Nord) e Mauro Tavella (Nuova Pordenone) chiedono il ritiro della mozione per gli stessi motivi. Sergio Bolzonello (Il Fiume) fa notare con energia le differenze tra i casi citati dalle opposizioni e quello in discussione: in questo caso non sono i proponenti a chiedere di rimandare, ma il sindaco, come nelle sue prerogative. Legge inoltre nelle parole del sindaco l’intenzione di convocare un Consiglio comunale aperto sull’argomento. Giovanni Zanolin (Il Ponte) accoglie “con molto favore” l’intenzione del sindaco di affrontare l’argomento in modo approfondito in un Consiglio comunale aperto, nel momento in cui saranno mature le condizioni politiche per farlo. A favore dell’intenzione di Pedrotti si esprime anche Franco Dal Mas (Pdl). Walter Manzon (Pd) giudica completamente raggiunto l’obiettivo della mozione nel momento in cui si annuncia un Consiglio comunale aperto. Pedrotti ringrazia tutti gli intervenuti, insistendo sull’importanza di un Consiglio comunale aperto sulla questione universitaria, anche perché – dice – forse il legame tra la presenza universitaria e la città si è un po’ perso ed è bene rinsaldarlo [VIDEO].

20.40 – Mozione 8/2012 della maggioranza sul conferimento della cittadinanza simbolica ai figli di immigrati stranieri nati in Italia e residenti in città. Viene presentata da Marco Salvador (Il Fiume), che si ispira alla provocazione del presidente della provincia di Pesaro Urbino Matteo Ricci, benedetta tra gli altri dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. In assenza di una svolta formale, la maggioranza chiede un forte impegno culturale e civile sull’argomento, che culmini in un’importante cerimonia pubblica e che coinvolga anche il Consiglio comunale dei ragazzi, ponendo le basi per un nuovo patto di cittadinanza [VIDEO]. Ampie aperture sulla proposta da parte dell’assessore Flavio Moro, nel suo intervento di risposta [VIDEO]. Giovanni Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) ricorda “il mosaico” proposto dalla sua coalizione in campagna elettorale, per tener conto della quantità di popolazioni che compongono oggi la nostra comunità. A prescindere dalle virgole, il principio è talmente forte – dice Del Ben – che il voto del suo gruppo non può che essere positivo [VIDEO]. Francesco Ribetti (Pdl) reputa si potesse tranquillamente fare a meno di discutere questo argomento. Un pezzo di carta, dice, può forse pulire la coscienza di qualcuno, ma non dimostra certo accoglienza nei confronti dei figli degli immigrati, né impegna in alcun modo amministrazione e istituzioni (a cominciare dalle scuole) a fare in modo che l’integrazione sia reale e semmai possa migliorare. Conclude annunciando la sua astensione dal voto, perché non può che essere contrario al tentativo di targa politica agli elettori di domani (e abbandona l’aula, dove ormai i banchi dell’opposizione sono sempre più vuoti) [VIDEO]. Gregorio Martino (Pd) nota come la partecipazione attiva dei nuovi italiani sia sempre più importante, in considerazione del calo demografico nelle famiglie italiane. Concedere diritti è  un fatto culturale, di civiltà e giustizia [VIDEO]. Giacomo Manfrin (Il Fiume) insiste sull’ispirazione della mozione, ricalcando i temi già esposti in precedenza da Salvador [VIDEO]. Giovanni Zanolin (Il Ponte) non nega il voto a favore a prescindere, perché ne coglie la tensione ideale, tuttavia mette in guardia dal compiere operazioni simboliche senza la dovuta attenzione: “Operare sui simboli mette in gioco dinamiche inconscie e molto profonde, dunque doppiamente delicate. Attribuite ad altre culture significati che non necessariamente appartengono loro o comunque possono assumere valenze diverse”. Zanolin nota come si sia entrati in una fase dell’immigrazione profondamente diversa, non più contraddistinta dai grossi flussi, ma dalla demolizione del tessuto sociale che abbiamo contribuito a costruire perché crescono le incertezze e le possibilità di partecipare alle occasioni di integrazione. Cita dati in controtendenza, che vedono un allontanamento degli immigrati dal centro città e che testimoniano un incrudimento dell’integrazione, non certo un miglioramento [VIDEO]. Riccardo Piccinato (Lega Nord) discute la mozioni a partire dai termini: “Seconda generazione? Che cosa vuol dire, ci sono integrazioni che partono dalla prima generazioni e altre che non sono tali nemmeno nella seconda. E poi perché partire dai ragazzi? Perché invece di rilanciare il nostro sistema sociale ci poniamo il problema di favorire l’immigrazione?”. La legge attuale è già sufficiente, dice Piccinato, non c’è bisogno di altre iniziative. Anche perché, insiste, nessuno percepisce il valore di qualcosa che viene regalato e che non deve essere invece essere conquistato. “Queste persone parlano, pensano, sognano in italiano? Dobbiamo verificarlo, non è qualcosa che possiamo dare per acquisito”. Definisce “pagliacciate pericolose” le cerimonie di consegna della cittadinanza simbolica, che discriminerebbe tra i nati in Italia e i nati altrove, accentuando differenze. Cita Cameron e Merkel per sostenere che l’integrazione non si fa con iniziative “burlesque”, ma con politiche ferme e condizioni chiare [VIDEO]. Roberto Freschi (Vivo Pordenone) risponde irritato a Piccinato, censurandolo sui termini usati per descrivere una mozione che nasce dalla serietà e dalla motivazione ad affrontare i problemi. Lo spirito, dice, è che questa mozione non sia semplicemente della maggioranza, ma che unisca in una discussione approfondita l’intero Consiglio. Sottolinea il coinvolgimento del Consiglio comunale dei ragazzi, parte di uno sforzo culturale importante che dai ragazzi viene trasmesso ad altri ragazzi. Da figlio di immigrati, Freschi cita il confronto tra le culture come un arricchimento. Il problema è semmai governare questi confronti, accogliendo lo stimolo di Zanolin a ripensare le politiche e gli strumenti dell’immigrazione di fronte ai cambiamenti in corso. La Costituzione non è qualcosa che diamo loro perché imparino, aggiunge Freschi, ma qualcosa che condividiamo e che per primi dovremmo tenere ben presente [VIDEO]. Alberto Rossi (Api) richiama le considerazioni di Zanolin, auspicando che ai gesti simbolici si accompagnano azioni concrete. Accoglie (e voterà positivamente) la mozione come uno stimolo forte a costruire insieme le regole della convivenza, perché di tensioni alla divisione la nostra società oggi non ha bisogno. La prima occasione, dice Rossi, sarà già nella discussione per il nuovo Piano regolatore, che dovrà impedire la nascita di zone a sovranità limitata [VIDEO]. Dario Zanut (Il Fiume) rassicura Zanolin sul valore simbolico della mozione, che ha lo scopo di affrontare una questione complessa e che certo non può dirsi superata, tanto meno di fronte alla crisi che stiamo attraversando [VIDEO]. Franco Dal Mas (Pdl) prende atto del fatto che il suo gruppo non parteciperà al voto: “mi sono distratto un attimo e si sono smaterializzati”, dice ironizzando sui banchi del centrodestra al momento rappresentati soltanto da lui e da Piccinato. Motiva l’astensione valutando la mozione strumentale e mal posta. “Sento di appartenere a un paese e a una città che è accogliente per definizione, non mi risulta ci sia un problema di accoglienza”, dice Dal Mas, chiedendosi se dunque questa cerimonia la si vorrebbe per celebrare semmai uno stato di fatto e quale vantaggio avrebbe un figlio di immigrati dal ricevere una cittadinanza simbolica. Pone infine un problema di fondo del Consiglio comunale, che continua a perdere l’opportunità di discutere al momento opportuno questioni di più forte attualità e che dovrebbe invece dotarsi di una struttura dell’ordine dei lavori che sia più pregnante [VIDEO]. Sandro Del Santo (Pd) nota come i migliori studenti in alcune scuole locali siano proprio i figli di extracomunitari. Pone il problema dal punto di vista dei costi: “Uno Stato investe un sacco di soldi nella formazione, li porta a sue spese a un passo del mondo del lavoro, e poi li abbandona proprio nel momento in cui compiono 18 anni?”. [VIDEO] Mario Bianchini (Il Fiume) chiude la discussione apprezzando la ricchezza della discussione e dando un valore positivo all’assenza delle opposizioni, perché se l’avessero considerata negativa quanto meno sarebbero rimasti a votare contro [VIDEO]. Pedrotti si tiene l’ultima parola per ricordare le esperienze fatte quest’anno durante il Consiglio comunale dei ragazzi, nel corso del quale si è lavorato anche sul concetto di cittadinanza. “Il simbolo che emerge nelle discussioni di questi ragazzi è perfino più alto e più largo di quanto sia emerso nelle nostre discussioni questa sera.” Sull’immigrazione che cambia, intende portare la discussione all’interno del lavoro sui piani di zona, perché è evidente come l’immigrazione abbia sempre meno a che fare con l’emergenza dei grandi flussi e sempre più con una stabilizzazione delle famiglie sul territorio [VIDEO]. Tocca alle dichiarazioni di voto [VIDEO]. Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) si dice deluso che si arrivi al voto: vista l’alta adesione, la Giunta avrebbe potuto fare sua la proposta. Piccinato (Lega Nord) risponde alle critiche raccolte dal suo intervento, sostenendo tra l’altro come l’idea che il suo partito sia xenofobo venga smentito dal fatto che le migliori esperienze si registrino proprio in amministrazioni a guida leghista, come Treviso. Infine si vota, anche se dai banchi delle minoranze di centrosinistra si levano inviti al sindaco a far propria la mozione. La mozione viene approvata con 27 voti favorevoli e 1 contrario [VIDEO].

22.40 – Nisco Bernardi chiude la seduta e augura buone vacanze ai consiglieri. Il Consiglio riprenderà le attività in settembre [VIDEO].

Consiglio comunale del 21 maggio

Lunedì pomeriggio alle 18.30 è convocato il Consiglio comunale di Pordenone. In discussione le interrogazioni e le mozioni pendenti e due delibere sulla modifica dello statuto di Gsm e sull’adeguamento funzionale del Seminario vescovile.

Vedi i resoconti delle sedute precedenti.

§

18.50 – Nisco Bernardi apre la seduta. Assenti i consiglieri Martino Gregorio (Pd), Marco Bonazza (Pd) e Franco Dal Mas (Pdl). Chiede subito la parola Giovanni Zanolin (Il Ponte) per chiedere al sindaco Pedrotti che si faccia interprete presso il questore delle preoccupazioni degli studenti, dei genitori e dei residenti intorno all’istituto Flora contro l’ipotesi dell’apertura di una sala giochi e scommesse nella zona [VIDEO].

18.55 – Claudio Pedrotti prende la parola per esprimere la partecipazione della città ai fatti di Brindisi. Ricorda i segni di vicinanza scelti in questi giorni (la partecipazione alla manifestazione spontanea di sabato pomeriggio, l’annullamento delle manifestazioni legate ai musei aperti, la festa in tono minore per la chiusura del Consiglio comunale dei ragazzi, il tentativo di mettersi in contatto con il sindaco di Brindisi). Legge un passo della lettera del ministro dell’Istruzione Profumo agli studenti italiani. Quindi il sindaco spende parole di solidarietà anche per le popolazioni dell’Emilia colpite dal terremoto. Cita i volontari pordenonesi partiti domenica sera per le zone colpite. Racconta di essere in contatto in particolare con l’amministrazione comunale di Ferrara e di seguire da vicino la situazione. Il Consiglio osserva un minuto di silenzio. Pedrotti aggiorna i consiglieri sul programma della visita del capo dello Stato Napolitano a Pordenone, appena ricevuta dal Quirinale. Sostanzialmente confermato il programma: momento istituzionale in Municipio intorno alle 11 e visita al Polo Tecnologico nel pomeriggio. Infine il sindaco annuncia di aver nominato come sindaci di Gea Pierluigi Basso (presidente del collegio sindacale), Barbara Sette e Sandra Pitton. Riguardo a Pordenone Fiere ufficializza i nomi di Alvaro Cardin (presidente) e Giorgio Zaia. Viste le polemiche registrati ricorda che la scelta è a discrezione del sindaco ed è motivata da questioni di continuità, soprattutto in riferimento alle discussioni sulla possibile fusione delle fiere regionali. Il sindaco cita come obiettivo l’amministratore unico e una governance più agile dell’ente, ma per questo è necessario un periodo di transizione. Si dice dispiaciuto che l’esito sia stato letto come violazione della trasparenza che la sua amministrazione si è data come obiettivo. A Zanolin, infine, risponde condividendo l’impressione che il Questore debba avere un atteggiamento meno passivo sul fenomeno delle sale da gioco e intende fare di tutto perché l’esplosione di questi esercizi che si registra in altre località non abbia spazio a Pordenone [VIDEO].

19.10 – I commenti alle dichiarazioni del sindaco. Giovanni Del Ben (Sel/Idv/Del Ben) prende la parola per condividere il suo pensiero sull’attentato di Brindisi e pregare il sindaco di portare la vicinanza del Consiglio comunale di Pordenone nelle occasioni pubbliche che saranno organizzate nei prossimi giorni. Giuseppe Pedicini (Pdl) associa alle intenzioni del sindaco sui fatti di Brindisi quelle del suo gruppo consigliare, ma si dice certo che la società civile non si lascerà cogliere impreparata. Riguardo alle nomine in Fiera, ricorda al sindaco che sono pendenti alcune interrogazioni e che ritiene più giusto che la discussione su questo punto avvenga in quella sede. Sull’unificazione delle fiere regionali sottolinea che la posizione del suo partito è a favore, ma con una chiara richiesta che la sede del nuovo soggetto sia necessariamente a Pordenone. Ritiene che la semplificazione della governance non ha motivo di essere ritardata e anzi, proprio in questa luce, poteva avere maggior significato. Mara Piccin (Lega Nord) si associa agli indirizzi di solidarietà sui fatti di Brindisi. Sulle nomine, legge la lettera ricevuta da un candidato al cda di Gea che aveva presentato il curriculum così come richiesto dall’amministrazione comunale, che denuncia le contraddizioni del bando comunale e il rammarico per le modalità che hanno portato alla scelta di Luca Mariotto. Nella lettera si cita l’incontro con un assessore comunale che avrebbe confermato al candidato come le scelte fossero state fatte in partenza. Gianni Zanolin (Il Ponte) si associa alle parole usate dal sindaco per ciò che è accaduto a Brindisi e per l’emergenza in Emilia. Sulle nomine riconosce a Pedrotti di essersi mosso nei limiti che la normativa gli assegna, ma evidenzia lo iato tra le intenzioni della giunta e le modalità attraverso le quali si è giunti alla scelta. Contesta la mancanza di adeguate motivazioni nell’atto di nomina dei nuovi amministratori, a dispetto della sbandierata trasparenza. Nuoce all’immagine del Comune e del sindaco il fatto che i nominativi dei prescelti circolassero con anticipo sulla scadenza del bando, mentre i cittadini ancora potevano proporre candidature, così come la presunta forzatura di un partito di maggioranza non sia mai stato smentito in venti giorni. Si chiede, infine, perché mai il capitale delle fiere debba ancor oggi essere pubblico. Mario Bianchini (Il Fiume) si associa alla solidarietà espressa a Brindisi e all’Emilia. Sulle nomine, biasima la pratica delle valutazioni espresse sulla base di articoli di giornali. Difende le scelte dell’amministrazione sia riguardo al profilo dei nominati e alle motivazioni e per questo riguarda Pedrotti.

19.35 – Bernardi ricorda le decisioni prese dalla conferenza dei capigruppo: si procederà con un’ora di interrogazioni, quindi si passerà alle due delibere all’ordine del giorno, infine mozioni fino all’orario limite delle 22.30.

19.40 – Interrogazione 20/2012 di Isena Peresson (Lega Nord) sulla presunta “falsa integrazione” ispirata ai valori della “sinistra radical chic e cattocomunista”. Dopo la lettura dell’interrogazione da parte di Bernardi, l’assessore all’istruzione Chiara Mio si rifiuta di rispondere finché il testo è formulato in modo offensivo e tendenzioso e prega la proponente di riformularla in toni adeguati, appellandosi all’articolo 45 del Regolamento del Consiglio comunale (fatto personale). Esplode la polemica tra i banchi dell’opposizione, Pedicini solleva una mozione di censura contro l’assessore Mio ricordando al presidente del Consiglio che la legittimità dell’interrogazione avrebbe dovuto essere valutata prima di metterla all’ordine del giorno (ai sensi dell’articolo 50 del regolamento) e che una volta inserita non può essere elusa. Bernardi ricorda che non può costringere un assessore a parlare e chiede un intervento a favore e uno contrario alla mozione. Francesco Ribetti (Pdl) si chiede che cosa rimane alle opposizioni se nemmeno le interrogazioni vengono più accettate e biasima il comportamento di un assessore pagato coi soldi pubblici. Tomasello ricorda che l’assessore Mio non si è affatto rifiutata di rispondere, ma ha chiesto che sia riformulata in modo più adeguato. Si vota la mozione di censura: bocciata con 9 voti a favore, 17 contrari e 2 astenuti [VIDEO].

19.50 – Interrogazione 26/2012 di Del Ben e Amarilli (Idv/Sel/Del Ben) sul proseguimento a Sud della pista ciclabile di via Nuova di Corva. Risponde l’assessore all’ambiente Nicola Conficoni che illustra i dettagli del progetto. Insoddisfatto Del Ben perché non coglie nell’amministrazione la determinazione a portare a compimento i progetti annunciati [VIDEO].

19.55 – Interrogazione 27/2012 di Francesco Ribetti (Pdl) sull’erronea indicazione dell’area ecologica di via Nuova di Corva. Conficoni rigetta tutte le accuse, ricordando pubblicità e miglioramenti apportati alla struttura. Ribetti ribadisce le segnalazioni che gli sono giunte, prendendo atto della risposta dell’amministrazione [VIDEO].

20.00 – Interrogazione 29/2012 di Francesco Ribetti (Pdl) sulle cause perse dall’amministrazione, a cui viene unita una seconda interrogazione specifica sulla causa persa sulla nuova caserma dei Carabinieri, facendo le pulci alle scelte di difesa e alla dotazione di personale del Comune di Pordenone. Rispondono gli assessori Bruno Zille e Renzo Mazzer, fornendo al cosigliere risposta su tutti i punti sollevati e giustificando le scelte caso per caso che pure hanno portato a sentenze sfavorevoli (il 20% del totale, negli ultimi 5 anni). Ribetti contesta i numeri forniti da Zille e riformula il calcolo in base a entrate e uscite per l’amministrazione delle cause vinte e perse, il cui Bilancio è nettamente sfavorevole al Comune. “Siamo un Comune antipatico, che va a fare la guerra a tutti”, dice commentando la supposta facilità con la quale l’amministrazione va in giudizio. Sulla caserma dei Carabinieri individua l’errore iniziale in un errore di calcolo nel trasferimento dell’area deputata dall’ex pastificio Tomadini a via Planton, essendo la seconda più ampia. Totale e polemica l’insoddisfazione di Ribetti [VIDEO].

20.30 – Si passa alle delibere. La prima (15/2012) comporta modifiche allo statuto di Gsm per ridurre il numero degli amministratori (oggi è “da 5 a 7″, si vuole arrivare a un amministratore unico oppure a un organo di amministrazione composto da un numero di consiglieri “da 2 a 4″) [VIDEO]. Dopo l’illustrazione del sindaco, si apre la discussione. Pedicini ribadisce quanto già detto in sede di commissione: bene la riduzione degli amministratori (tant’è che propone al suo gruppo voto favorevole), ma di fatto non ci si arriverà né vi è alcuna urgenza, perché gli amministratori restano in carica tre anni e ci vorrà tempo perché scadano tutti i mandati. Meglio sarebbe stata, dice Pedicini, una mozione del Consiglio che spinga il sindaco a chiedere le dimissioni degli amministratori in carica [VIDEO]. Sergio Bolzonello (Il Fiume), chiamato in causa da Pedicini sulle nomine sotto elezioni di un anno fa, interviene per ricordare che l’urgenza era dovuta alla necessità di garantire l’amministrazione sul breve periodo e che il patto coi nominati era stato che si sarebbero dimessi non appena il nuovo sindaco fosse entrato nelle sue funzioni (solo uno si dimise effettivamente, Bertolo da Gsm). Bolzonello quindi vede ampio margine perché il sindaco, una volta portata a termine la modifica dell’organo di amministrazione da statuto, possa convincere gli amministratori in carica a dimettersi [VIDEO]. Zanolin (Il Ponte) insiste su una posizione ormai consolidata del suo gruppo: non ha più senso che queste società siano sottoposte a controllo pubblico e tantomeno la soluzione è l’amministratore unico, di fatto un esecutore dell’amministrazione (soluzione che, secondo Zanolin, “nel caso di Gea sospetto abbia causato grandi danni). Suggerisce che comunque la dicitura “da 2 a 4″ sia portata a “3″ o comunque a un numero dispari, perché notoriamente in caso di parità nelle votazioni si creano situazioni difficili da superare [VIDEO]. Si passa alle motivazioni di voto. Walter Manzon (Pd) si esprime a favore di un passaggio di semplificazione opportuno, benché complesso da molti punti di vista [VIDEO]. Giulia Bevilacqua (Il Fiume) ricostruisce da un punto di vista giuridico il processo che può portare a una governance più leggera per società partecipate come Gea o Gsm e vede la delibera in votazione come un tassello verso l’obiettivo già più volte affermato dall’attuale maggioranza [VIDEO]. Roberto Freschi (Vivo Pordenone) apprezza il tentativo di arrivare all’amministratore unico, ma ribadisce i dubbi già espressi in commissione sulla stranezza di un passaggio da 5 consiglieri a una formula vaga come “da 2 a 4″. Garantisce comunque il suo voto alla maggioranza [VIDEO]. Francesco Ribetti (Pdl) riscontra incoerenze tra la volontà di ridurre i costi e gli atti concreti dell’amministrazione, e chiede al sindaco perché in consiglio d’amministrazione di Pordenone Fiere non abbia chiesto una riduzione del compenso al presidente. Assicura il suo voto a favore se il sindaco gli spiegherà i motivi di queste differenze di valutazione [VIDEO]. Fausto Tomasello (Pd) ribadisce la disposizione favorevole del suo gruppo, pur riconoscendo la complessità del processo in corso e una sostanziale preferenza per un consiglio di amministratore [VIDEO]. Claudio Pedrotti interviene per alcune precisazioni. Sul rischio di parità di voto, il nuovo statuto prevede che prevalga quello di chi presiede l’organo di amministrazione. Ribadisce che il nuovo statuto gli permette di non nominare il quinto amministratore mancante, di cominciare a contenere i costi e di mettere le basi per arrivare all’amministratore unico [VIDEO]. Nel secondo intervento Pedicini (Pdl) si dice imbarazzato rispetto alle buone intenzioni a sostenere la delibera, perché non avverte concreta disposizione dell’amministrazione a dare una svolta e ritiene che le differenze di vedute all’interno della maggioranza non permetteranno di raggiungere in tempo l’obiettivo [VIDEO]. Manzon (Pd) riprende la parola per precisare la posizione del suo partito, senza spostare sostanzialmente il baricentro la discussione [VIDEO]. Si passa alle dichiarazioni di voto. Giovanni Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) si chiede che senso abbia avere delle partecipate se poi non si dà loro un mandato manifesto e se allora non sia meglio consegnare queste società al mercato. Riccardo Piccinato (Lega Nord) apprezza il tentativo dell’amministrazione, pur non ritenendo sufficienti i passi avanti. Il suo gruppo si asterra. Marco Salvador (Il Fiume) approva senza riserve il nuovo statuto e annuncia il voto favorevole del gruppo a cui appartiene. Giovanni Zanolin (Il Ponte), prendendo spunto dall’intervento di Salvador, interviene polemicamente per mettere in evidenza il potere effettivo di controllo del Consiglio comunale partendo da un caso personale (attende documenti sulla vicenda Gea-Snua da mesi, senza riceverli) [VIDEO]. La delibera va in votazione: 23 favorevoli, 4 contrari (le minoranze di centrosinistra) e 5 astenuti [VIDEO].

21.35 – La seconda delibera (16/2012) riguarda lavori di abbattimento delle barriere architettoniche e di adeguamento funzionale di una porzione del Seminario diocesano di Pordenone. L’assessore all’Urbanistica Martina Toffolo ricostruisce tutto l’iter tecnico e il dettaglio del progetto presentato dalla Diocesi di Concordia Pordenone. Si tratta, di fatto, della trasformazione di un’ala precedentemente destinata a dormitorio per gli studenti in locale adibito a biblioteca per riunire in un’unica sede diverse strutture del Seminario. Gianantonio Collaoni (Il Fiume) chiede se, vista l’importanza e la dimensione della biblioteca del Seminario, questo intervento avrà ripercussioni anche sulla dimensione del patrimonio librario e sui tempi di realizzazione delle opere. La nuova biblioteca sarà il punto di raccolta del patrimonio che non può più essere conservato nelle piccole parrocchie, spiega l’assessore Toffolo. Quanto ai tempi previsti, si parla di fine 2013 [VIDEO]. Giovanni Zanolin (Il Ponte) sottolinea da un lato l’importanza per il territorio della biblioteca del Seminario e dall’altro il rimandare a un momento successivo di una convenzione per l’accesso pubblico a quell’istituzione. Chiede dunque che a fronte di un investimento pubblico non indifferente (300.000 euro) siano garantite le regole di accesso al patrimonio archivistico del Seminario, possibilmente già prima del termine dei lavori [VIDEO]. Andrea Cabibbo (Pdl) apprezza finalità e sforzo progettuale, nonché le ricadute dell’investimento sulla città [VIDEO]. Sulla necessità di stipulare per tempo una convenzione per l’accesso pubblico alla biblioteca diocesana si esprime anche Sandro Del Santo (Pd) [VIDEO], così come Roberto Freschi (Vivo Pordenone), che nota la posizione strategica del Seminario rispetto all’università [VIDEO], Sergio Bolzonello (Il Fiume), che ricorda come il Comune intervenga già con un intervento di 20.000 euro per il sostegno della catalogazione archivistica del patrimonio archivistico del Seminario [VIDEO], e Marcello Passoni (Pd), che si augura che la convenzione non venga stipulata soltanto per cinque anni rinnovabili, ma a tempo indefinito [VIDEO]. Martina Toffolo ricorda come l’imminente scadenza della convenzione stipulata per l’accesso pubblico al parco del Seminario presti l’occasione per l’avvio di un dialogo più ampio con la Diocesi. Per quanto riguarda in particolare l’accesso al patrimonio bibligrafico e archivistico, perché è un requisito del finanziamento pubblico ottenuto dalla Diocesi per procedere ai lavori. Giovanni Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) apprezza il senso dell’intervento e delle sue ricadute sullo studio della storia del nostro territorio. Apprezzamento viene espresso anche da Elio Rossetto (Pd), mentre Gianantonio Collaoni (Il Fiume) coglie l’occasione per ripercorrere il valore storico dei contenuti dell’archivio diocesano per la città [VIDEO]. La delibera viene votata all’unanimità [VIDEO].

22.15 – Il presidente Bernardi chiude la seduta e riconvoca il Consiglio il 28 maggio per l’approvazione del bilancio consuntivo [VIDEO].

Consiglio comunale del 16 aprile

La maratona per l’approvazione del Bilancio 2012 del Comune di Pordenone comincia lunedì 16 alle 9.30 e proseguirà fino a sera. In discussione diverse delibere collegate al documento finanziario e gli emendamenti e le controproposte delle opposizioni.

Vedi i resoconti delle sedute precedenti.

§

10.00 – Il presidente Nisco Bernardi dà il via ai lavori del Consiglio. La conferenza dei capigruppo ha deciso di procedere a una discussione unica per le quattro deliberazioni che riguardano il Bilancio (8, 9, 10 e 11/2012) [VIDEO]. Il consigliere Giovanni Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) interviene subito per chiedere che la discussione preveda, come da regolamento, i pareri delle circoscrizioni e delle commissioni [VIDEO]. Bernardi dà così lettura delle relazioni dei consigli circoscrizionali: contrari Torre e Centro, in bilico Rorai-Cappuccini e favorevole Sud. Il segretario comunale Gini ricorda invece che il parere delle commissioni non è obbligatoria e non è stata utilizzata questa possibilità. Vengono acquisiti gli emendamenti della giunta e dei consiglieri, inoltre saranno discussi (separatamente) anche alcuni ordini del giorno proposti dalle opposizioni [VIDEO].

10.20 – Francesco Ribetti (Pdl) parla di un Bilancio che conferma l’impressione di “accanimento gratuito contro i cittadini, odioso e vessatorio”, di “taglieggiamento” dei commercianti in difficoltà, di “ricatti” da parte dell’amministrazione rispetto al livello dei servizi. E parte con un esame delle incongruenze e delle criticità contenute a suo parere nel documento e dei suggerimenti contenuti nell’emendamento presentato dal Pdl [VIDEO].

10.50 – Momento di impasse, nessuno iscritto a parlare. Dal Mas chiede fuori microfono al presidente come intende organizzare la giornata. Bernardi allarga le braccia, visto che spetta ai consiglieri animare il dibattito secondo le strategie decise dai gruppi.

10.55 – Giuseppe Pedicini (Pdl) parla di un bilancio che non ha una strategia, che contiene evidenti margini per operazioni elettorali, copia-incollato col bilancio preelettorale dello scorso anno, distante dalle esigenze della città, succube di una specifica parte politica della maggioranza. “Verrebbe da dirvi: dite qualcosa di sinistra”, sottolineando l’assenza di una visione a favore della crescita, del rigore e dell’equità. “Accettando il nostro emendamento non fate altro che andare incontro al vostro elettorato”. Annuncia un ordine del giorno sulla Gea, che chiude il bilancio in utile senza che l’avanzo venga utilizzato per abbassare le tariffe [VIDEO].

11.10 – Mara Piccin (Lega Nord) tiene a ricostruire la vicenda dei ritardi nei trasferimenti regionali e nell’approvazione del bilancio regionale, uno dei punti che hanno causato maggiori distanze tra amministrazione e opposizioni. Dice che se è vero che “Trieste è lontana” (si riferisce allo studio Casetta sulla sperequazione nei trasferimenti regionali), bisogna anche dire che nel 2006 Trieste era ancora più lontana e si è avvicinata nel corso del tempo. Discute i governi (a Roma e a Trieste come a Pordenone, e il riferimento è in particolare all’assessore Mio) composti da tecnici non eletti dal popolo. Si dice convinta che si possa abbassare di due punti l’aliquota Imu sulla casa e di un punto l’aliquota Imu sui terreni agricoli. Fa un elenco di spese discutibili iscritte a bilancio: abbonamenti a riviste, spese postali, quote associative, contributi alle associazioni, mostre e convegni (“non c’è scritto da nessuna parte che la cultura non si possa autofinanziare”), consulenze, incarichi legali, ricorso agli interinali [VIDEO].

11.40 – “Di fronte alla straordinarietà del momento che stiamo vivendo, l’impressione è che si risponda con un documento del tutto ordinario”, dice Alberto Rossi (Api). Secondo il consigliere, la necessità di chiudere il bilancio in equilibrio ha prevalso sull’urgenza di interventi strutturali nella prospettiva di una maggiore equità sociale. Il costo del personale diminuisce nei valori assoluti, ma in relazione alle minori entrate diventa più pesante che in passato, e richiama l’amministrazione alle dichiarazioni programmatiche in tal senso. Contesta anche la scarsa considerazione dei consigli circoscrizionali, che pure l’amministrazione si era impegnata a valorizzare. Suggerisce di promuovere una maggior collaborazione tra associazioni e istituzioni nel sostegno alle manifestazioni culturali. Denuncia il silenzio assordante del sindaco e dei partiti di maggioranza su alcune questioni fondamentali come il nuovo ospedale o il carcere. Contesta l’uso degli avanzi delle partecipate “come mucche da mungere per ripianare i buchi di bilancio” e ribadisce l’invito a dismettere la partecipazione pubblica in queste società [VIDEO].

12.05 – Marcello Passoni (Pd) analizza quelli che a suo parere sono i principali punti di forza del bilancio in un’ottica di contrazione e risparmio. “È un documento equilibrato, prudente e aperto alle proposte credibili che verranno da quest’aula”, dice esprimento apprezzamento per l’operato dell’assessore Mio. Denuncia l’atteggiamento populistico di chi approva le aliquote a Roma e in città poi si spende come capopolo dell’antipolitica [VIDEO].

12.20 – Riccardo Piccinato (Lega Nord) discute la previsione a bilancio delle multe e del recupero dell’evasione fiscale, chiede il taglio delle consulenze, del servizio di documentazione video del Consiglio comunale, delle inserzioni pubblicitarie, delle spese su una linea di trasporto pubblico che porta le persone a spendere fuori dal centro. Contesta, tra le previsioni dei fondi comunitari Pisus, gli investimenti in fibra ottica (superati, a suo dire, dall’arrivo del cosiddetto 4G) o il rifacimento del sito web comunale. Ritiene che dietro alla generica etichetta di spese culturali si mascherino clientele politiche e distribuzione di fondi a determinate associazioni. “Signor sindaco, lei è abituato con i computer: dai un ordine e loro fanno quello che gli è stato chiesto. Ma i cittadini non sono computer. Monti ha tassato, ma lei ha scaricato semplicemente il problema sui cittadini” [VIDEO].

12.30 – Giovanni Zanolin (Il Ponte) non crede che il documento sia modificabile o riformabile, tanto è lontano è dalla sensibilità del suo gruppo. Non coglie, a suo dire, alcun elemento di indirizzo che consenta di affrontare il momento di crisi della città. Scorge nel bilancio triennale segnali di presa di coscienza di una crisi strutturale che già quest’anno doveva essere affrontato con altri strumenti. Denuncia le incertezze legate sia alle entrate fiscali sia alla capacità delle famiglie di pagare quanto previsto, elemento che mette a rischio tutti le previsioni del bilancio. Trova non sostenibile la disparità di garanzie tra il settore privato e il settore pubblico, dove non vengono mai messi in discussione posti di lavoro e reddito. E propone – sotto forma di ordine del giorno, presentato dalle opposizioni di centrosinistra – una serie di interventi strutturali per rinegoziare servizi e compensi a carico del pubblico impiego, mirati a diminuire in modo significativo la quantità di personale (a cominciare dalla gestione degli asili e di Casa Serena). Il secondo ordine del giorno presentato da Il Ponte, Idv/Sel/Del Ben e Api suggerisce invece una strategia per rilanciare investimenti e sviluppi a favore della città indicando una serie di alienazioni di beni immobili in grado di finanziarli. Il terzo ordine del giorno stimola il Comune a prendere posizione sui piani di zona della Sanità regionale, che al momento si distinguono per vaghezza di indirizzo. Il quarto e ultimo ordine del giorno del gruppo di centrosinistra propone il monitoraggio dei gettiti Imu. Chiede infine all’assessore alla cultura Claudio Cattaruzza se, in questa particolare congiuntura, le manifestazioni che la città ha deciso di mantenere sono le più congrue possibili? [VIDEO]

13.00 – I lavori vengono sospesi fino alle 14.30.

14.45 – La seduta riprende.

14.50 – Gregorio Martino (Pd) giudica corretti i conti del Bilancio e corretto l’atteggiamento dell’assessore Mio. Contestualizzando l’introduzione dell’Imu nel contesto di emergenza affrontato dal governo Monti, Martino ricorda che il Comune non ha toccato le altre tasse. Insiste sulla necessità degli investimenti come motore di crescita, pena l’involuzione del sistema e il calo dello stesso gettito fiscale. Quindi si dedica a una lettura commentata delle cifre di Bilancio e delle iniziative programmatiche già note [VIDEO].

15.20 – In assenza (momentanea) del sindaco e dell’assessore al bilancio, Walter De Bortoli (Pdl) comincia il suo intervento rivolgendosi ironicamente a Sergio Bolzonello. Ricorda il suo arrivo dalla Libia: “mio padre venne a Pordenone perché qui c’era lavoro e c’era la possibilità di crescere e metter su casa”. Oggi Pordenone non è più attrattiva, nota il consigliere, e attacca un elenco di industrie storiche che oggi non ci sono più o non sono più sotto il controllo del territorio. “Dove non arriva il governo nazionale, il governo locale deve sopperire”, dice criticando senza molte riserve le scelte di questi ultimi mesi a livello nazionale ed europeo. Critica l’Imu come misura iniqua in un paese troppo disomogeneo nell’applicazione delle leggi e dei controlli edilizi. Insiste sull’iniquità di legare una tassa del genere all’abitazione e non al reddito, una scelta che penalizza soprattutto le fasce più deboli. Nota come all’istituzione di queste tasse non corrisponda uno slancio di rilancio economico a favore della città. Ricorda la quantità di abitazioni e negozi sfitti nell’immediata cintura cittadina e di come nonostante questo si continui a costruire grandi condomini. Indica alcuni investimenti sui quali, a suo parere, si sarebbe potuto soprassedere, in particolare le piste ciclabili o la riqualificazione, così com’è stata prevista, di via Cappuccini. A Zanolin dice che non bisognerebbe vendere le farmacia, bisogna farle rendere come quelle private. Chiede al sindaco di accogliere i suggerimenti del suo gruppo, venire incontro alle esigenze dei pordenonesi e della tenuta del suo territorio [VIDEO].

15.45 – Loris Pasut (Il Ponte) parla del Bilancio come di un abito elegante, ma privo di respiro politico e che non sembra fare gli interessi della città. E riprende il senso e i contenuti degli ordini del giorno proposti dalle opposizioni di centrosinistra già esaminati da Zanolin. Cita in particolare la privatizzazione dei servizi cimiteriali. Si chiede come mai l’amministrazione abbia dato la precedenza alla riqualificazione di una strada quando c’è l’urgenza di portare la banda larga in tutto il territorio. “Non basta dire che non si è toccata l’Irpef e la Tarsi, è necessaria una ricalibrazione fiscale generale”, dice Pasut. Ritiene che un’azienda pubblica da oltre 500 dipendenti abbia importanti margini di efficienza [VIDEO].

16.05 – Fausto Tomasello (Pd) ricostruisce le priorità di questo bilancio: il sociale, l’istruzione e la cultura, l’ambiente. Sull’Imu ricorda come il gettito abbia solo limitatamente una ricaduta effettiva sul territorio, mentre un taglio delle aliquote si abbatterebbe completamente sulle casse del Comune, determinando tagli sui servizi per milioni di euro (1 punto, 4 milioni di euro, secondo Tomasello). Ripercorre le scelte fiscali dell’amministrazione e della maggioranza indicandole come il male minore e minore scenario possibile, spesso contestato nei riferimenti e nelle cifre dalle opposizioni. Rifiuta, discutendole una per una, tutte le proposte delle opposizioni, perché giudicate generiche, populistiche o inefficaci [VIDEO].

16.20 – Giacomo Manfrin (Il Fiume) nota come criticare i numeri del bilancio sia ingeneroso nei confronti dei molti professionisti coinvolti nella sua redazione. Invita il Consiglio ad abbandonare le polemiche pretestuose, che non fanno il bene della città. Risponde a chi suggerisce di tagliare sui servizi che questo significherebbe togliere energie, risorse e lavoro, diminuendo la qualità della vita in città. Ricorda gli slanci progettuali già previsti in bilancio, come il piano strategico, il piano regolatore, il piano della mobilità, il mantenimento dei livelli di assistenza sociale. Chiede, infine,  all’amministrazione di curare in modo particolare il collegamento tra mondo della formazione e mondo delle imprese, per arginare la disoccupazione giovanile [VIDEO].

16.25 – Matteo Loro (Pd) definisce solido il Bilancio presentato dall’amministrazione comunale. Critica l’Imu in quanto tale, lontana dall’idea di un federalismo fiscale, ma non la scelta della giunta di applicare le aliquote minime. Ritiene questa scelta comunque migliore di un taglio dell’Imu per poi alzare l’aliquota Irpef. Apprezza, infine, la capacità dell’amministrazione di contenere la spesa senza intaccare sensibilmente il livello dei servizi [VIDEO].

16.30 – Francesco Giannelli (Gruppo Misto) si dice stupito della gravissima scelta politica per una amministrazione di centrosinistra di non venire incontro almeno alle fasce più critiche di popolazione nell’applicazione dell’Imu. Porta alcune proposte alternative a quelle del Pdl, che senza nemmeno sfiorare gli anziani, l’infanzia, i servizi sociali, i trasporti scolastici, i cimiteri, ma tagliando su riviste, incarichi professionali, gettoni di presenza, centro stampa, formazione del personale, quote associative, linea Rossa, permetterebbero di recuperare oltre due milioni di euro. Ritiene inoltre che esistano margini ulteriori (fino a 4 milioni di euro) tagliando spese anacronistiche come l’Informagiovani o non vitali in tempo di crisi come la biblioteca, l’archivio, i musei, le onoranze funebri, servizi agli animali. “Tra un panino e un libro, che cosa dà da mangiare a chi ha fame? Voi non vi rendete conto in che condizioni siamo”, dice all’indirizzo della maggioranza che contesta la sua visione. Per contro ritiene fondamentale il nuovo piano urbanistico, che deve contenere le basi per un ripensamento della città e del centro storico, sebbene a suo parere la giunta avrebbe già dovuto condividere una bozza, dopo nove mesi di amministrazione. Immagina un grande piano di riqualificazione del centro storico che permetta di rivalutare le abitazioni degli anni ’60, crei parcheggi per i residenti e renda appetibile venire ad abitare a Pordenone. Indica alcune grandi aree strategiche che potrebbero far crescere la città: l’ospedale quando si libererà, le caserme, l’ex Amman, la Rivierasca, il nuovo carcere, il nuovo aeroporto, la ristrutturazione della periferia col divieto di espansione edilizia [VIDEO].

17.00 – “Un bilancio senza progettualità”, dice Andrea Cabibbo (Pdl), che ritrova negli appunti di oggi le stesse considerazioni dell’anno scorso. “Per garantire gli stessi livelli del passato, se non di più, si mettono pesantemente le mani nelle tasche dei cittadini”. Contesta le ricostruzioni ascoltate dai banchi della maggioranza e mette nuovamente in discussione i conti dell’amministrazione. Sottolinea alcune pratiche contabili discutibili, come l’utilizzo dell’avanzo di bilancio per finanziare spese ordinarie ripetitive. Nota come il Comune abbia un esiguo margine di manovra, considerate le spese fisse necessarie per mantenere quella che definisce “una gioiosa macchina da guerra”. Mette in luce quelle che, a suo parere, rappresentano incongruenze o scelte incomprensibili, tra cui gli investimenti soltanto teorici (perché ancora in attesa di assegnazione) del bando comunitario Pisus, la progettazione di ciclabili come quella sulla roggia Vallona, il risanamento della discarica di Vallenoncello, il pagamento dei parcheggi come voce d’entrata, la ristrutturazione dell’edificio di via Rivierasca che ospita i giudici di pace quando vi sarebbero altre soluzioni già pronte [VIDEO].

17.30 – Roberto Freschi (Vivo Pordenone) definisce quello del bilancio come uno dei momenti più qualificanti per la politica locale, quello in cui si mettono a confronto idee e visioni sul futuro dell’amministrazione e se ne fa sintesi. E tuttavia oggi la situazione in discussione a livello locale è soprattutto figlia di dinamiche nazionali. Sottolinea l’importanza della cultura, non una cultura-svago che lascia il tempo che trova, ma una cultura-formazione che permette la crescita del territorio e uno sviluppo che è anche tecnologico. Trova condivisibile la proposta di Zanolin e delle minoranze di centrosinistra sull’ambito sanitario, non invece quella sul personale comunale, che richiede un’analisi molto più approfondita e strutturale [VIDEO].

17.50 – Maria Bonato (Pd) richiama nel suo intervento la dimensione sociale e sociosanitaria in cui è inserita la discussione politica sul bilancio, ma il suo intervento – molto tecnico e letto da una relazione scritta – viene particolarmente penalizzato dal basso livello di amplificazione e dal rumore di fondo dell’aula [VIDEO].

18.00 – Orsola Chiaradia (Il Fiume) parla di un sistema economico profondamente mutato e smaterializzato, legato sempre più alle idee, all’intangibile, alla conoscenza, per sostenere gli investimenti dell’amministrazione in cultura e formazione nella città di Pordenone. Sottolinea l’importanza della partecipazione dei cittadini alla vita culturale della città. “Siamo orgogliosi di quanto fatto dall’amministrazione comunale della nostra città”, dice Chiaradia. Sostiene una visione della cultura come volano di sviluppo economico e di posti di lavoro: “il pubblico premia le manifestazioni culturali, il pubblico premia Pordenone” [VIDEO].

18.10 – Franco Dal Mas (Pdl) inzia scherzando su un bilancio comunale che è stato scritto da Sergio Bolzonello, tanto richiama quelli della sua amministrazione. Ritorna sull’idea di compitino fatto bene dall’assessore al bilancio, ma che manca in una visione adeguata della congiuntura. “Ci sono 3.000 esuberi annunciati da Confindustria, che il vostro bilancio nemmeno considera”, grida alla giunta e alla maggioranza, imputando loro un atteggiamento snobistico sulla cultura che sta tenendo in ostaggio la città. Ricostruisce l’iter di presentazione del Bilancio comunale e le controproposte del centrodestra. Insiste sul fatto che l’impatto dell’Imu sarà superiore a quanto atteso dall’amministrazione, perché la revisione catastale supererà le detrazioni previste. Riguardo alle seconde case, ribadisce che il mercato delle locazioni sarà messo in ginocchio da queste iniziative. “Non riuscite a tagliare niente, perché il vostro bilancio deve sostenere delle spese di immagine evidentemente a fini elettorali”. Svela quelli che a suo dire sono “trucchi contabili” nel passaggio Ici-Imu, entrando nel dettaglio dei numeri delle agevolazioni per le famiglie con figli, sugli edifici, sulle abitazioni sfitte, sui capannoni. Cita, “come esempio del grado di approssimazione con cui vi siete avvicinati alla questione Imu” la risposta a un’interrogazione a risposta scritta sottoposta dal consigliere Loperfido in cui gli uffici del Comune ammettono di non essere in grado di dare cifre esatte sul numero di abitazioni. Conclude invitando l’amministrazione a considerare il margine di intervento che ancora resta sul bilancio, a uscire dalla cultura clientelare delle amministrazioni precedenti, prendendo in considerazione gli emendamenti proposti dal suo gruppo consiliare [VIDEO].

18.35 – Mario Bianchini (Il Fiume) si schiera ovviamente al fianco dell’amministrazione, trovando conforto alle scelte fatte nelle decisioni assunte da molte altre città italiane. Si dice preoccupato prima ancora che per le abitazioni, per le ripercussioni sul comparto produttivo e chiede alla giunta di fare tutti gli sforzi per arginare situazioni di crisi. Richiama la visione della cultura come volano economico già sostenuta da Orsola Chiaradio e chiede che si faccia il possibile per salvaguardare il Consorzio universitario. Ricorda come le amministrazioni precedenti siano riuscite a garantire un indebitamento ridotto pur in presenza di forti investimenti e opere. Ritiene essenziali i 5 milioni di euro contestati dalle opposizioni rispetto al programma dell’amministrazione e dunque non accettabili gli emendamenti proposti [VIDEO].

18.45 – “Il Partito democratico riflette sulla crisi del lavoro da molti mesi, da quando il governo Berlusconi non sembrava interessarsene”, dice Walter Manzon, segretario cittadino, “dunque non accetto l’accusa di aver improvvisato le soluzioni”. La fase di cambiamento dal manifatturiero ai servizi va accolto e sostenuto, trovando altre strade di sviluppo: siamo in una fase creativa, frutto di tutto ciò che è stato investito nella cultura. “Cultura significa saper guardare più in là del proprio naso”, continua Manzon. “Non sappiamo dove ci porterà, sappiamo che a livello nazionale conta per circa il 5%. La cultura è come le cellule staminali, un fattore di rinascita e sviluppo”. Dunque per rispondere a Zanolin, secondo Manzon questo è un investimento congruo [VIDEO].

18.55 – Emanuele Loperfido (Pdl) contesta l’atteggiamento di chiusura dell’amministrazione e del sindaco, che non ha concesso margini di collaborazione alle opposizioni. Ricorda gli impegni di Pedrotti in campagna elettorale rispetto alla partecipazione dei cittadini nell’amministrazione della città e alle iniziative da intraprendere per la tutela del lavoro sul territorio. Lamenta la lentezza nella condivisione delle informazioni sul sito del Comune (fa riferimento al caso specifico della determina sulla ricerca del nuovo amministratore unico per Gea, presente come determina di giunta ma non ancora nella sezione dedicata ai bandi e concorsi per la ricerca di personale). Se il bilancio esprime la politica finanziaria di un’amministrazione, Loperfido si chiede che politica sia quella incapace di prendere atto del fatto che Pordenone non è più una città appetibile. Di questo passo, aggiunge, oltre a non attrarre nuove persone, avremo sempre meno cittadini che pagano le tasse. Contesta a un sindaco informatico di non essere ancora riuscito a fare scelte strategiche rispetto a open software e Voip (riferendosi a una mozione che attende di essere esaminata in Consiglio). Quindi, riprendendo la questione Imu, dichiara che “abbiamo chiesto così tanti dati all’amministrazione pubblica, che ci siamo resi conto che non tutti i dati erano in possesso all’amministrazione pubblica”. Colto un momento di confusione e di esodo dei consiglieri in particolare dai banchi della maggioranza, Loperfido si ferma e pretende la verifica del numero legale al presidente (il consigliere anziano Bolzonello, che sostituisce per alcuni minuti Nisco Bernardi). Ripreso il discorso, contesta tutte le informazioni su cui nel corso dell’esame del bilancio si sono rivelati incompleti o non veritieri, invita l’amministrazione a farsi venire qualche dubbio sul documento per cui oggi chiedono l’approvazione. Ricorda gli appelli delle principali categorie produttive e nuovamente denuncia la chiusura dell’amministrazione. Chiede alla politica di dare almeno piccoli segnali ai cittadini, sui costi, sugli stipendi, sui contributi. Sulla cultura come volano economico: “se fosse così, perché i privati non accorrono a finanziare gli eventi?” Il problema non è tagliare la cultura, nessuno lo vuole fare, è una questione di priorità e di segnali, conclude [VIDEO].

19.30 – Giovanni Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) pone subito una questione di metodo e chiede all’amministrazione di replicare agli stimoli dei consiglieri prima del secondo giro di interventi, per permettere di confrontarsi in modo costruttivo e reale sulle posizioni, a costo di concludere il dibattito nel prossimo Consiglio comunale. Discute alcuni dettagli della bozza di regolamento attuativo per l’Imu, fornendo alcuni suggerimenti migliorativi in particolare nella formulazione delle specifiche per le agevolazioni. Quindi si dedica a una serie di dichiarazioni di principio unite a commenti puntuali e critiche specifiche sui documenti in esame ispirati a una città più bella, sana, accogliente e sicura [VIDEO].

20.00 – “In un bilancio di quasi 80 milioni, forse potevate provare a sacrificare due o tre milioni in più”, dice Mauro Tavella (Nuova Pordenone). Dichiara di non trovare nel Bilancio grandi progetti, “ma forse grandi progetti non li avete nemmeno ereditati”. Si concentra sul suo settore di competenza, la mobilità: raccomanda di lavorare di prevenzione e sicurezza, essendo l’auto la prima causa di morte per i più giovani. Si spende per la realizzazione di un impianto di guida sicura, che sono ormai previsti in molte città e che servirebbe molti programmi di formazione di privati, ma anche della stessa amministrazione pubblica. Restando in tema di viabilità, Tavella stimola l’amministrazione ad affrontare (con una serie di rotonde strategiche) il problema degli accessi da sud in occasione delle manifestazioni fieristiche. Rispetto alle iniziative culturali e sportive, lamenta sottotraccia una disparità di trattamento tra eventi per cui si pagano le persone per venire a Pordenone ed eventi per cui le persone pagano per venire e trovano una città non adeguatamente accogliente [VIDEO].

20.20 – Anticipando la mozione d’ordine delle opposizioni, la giunta decide di rispondere prima del secondo giro di interventi. Comincia l’assessore Mio, descrivendo “un bilancio complesso, figlio nel bene e nel male del lavoro di questa amministrazione”. Ricorda la difficoltà di fare previsioni in questo momento di grande incertezza anche legislativa sui prelievi fiscali, su cui si innesta la discontinuità nel quadro sociale ed economico. Porta come notizie positive la crescita delle esportazioni, la salute del distretto economico. Contesta gli allarmismi sull’impatto dell’Imu, eletto a dramma nazionale, pur in presenza di un quadro molto più complesso e che deve essere analizzato globalmente. “Questa amministrazione comunale non ha alcun interesse ad accentuare la pressione fiscale, ma in presenza di un quadro così fluido e incerto, nonché in presenza di un saldo negativo totale del Comune rispetto allo Stato di 15 milioni di euro, non è possibile fare previsioni diverse. Appena avremo prontezza di un quadro normativo certo e definito, prenderemo in considerazione la possibilità di concedere uno sconto Imu per esempio ad alcune tipologie di locazioni”. Nel chiudere a modifiche oggi, l’assessore apre alla possibilità di costruire insieme alle opposizioni questo passaggio successivo. Sull’Imu: “è a tutti gli effetti una patrimoniale, non la giudico, non l’apprezzo, ma questo ci troviamo oggi e difendo il lavoro dei nostri ragionieri, posta la differenza che esiste in ragioneria tra precisione e attendibilità”. I numeri sono numeri, “ma per qualcuno parlano, per qualcun altro strillano”, dice all’indirizzo di Dal Mas che la provoca sui dati. Difende, conti alla mano, la stima sul gettito e sulla pressione fiscale che ragionevolmente, allo stato attuale della legislazione, sarà imposta sui cittadini (un valore medio di 200 euro a famiglia). I casi di difficoltà trovano risposta nelle previsioni di bilancio a favore dei servizi sociali. “Di fronte a tutte queste incertezze, io ritengo molto più responsabile partire in questo modo e poi aggiustarci strada facendo”, dice Mio. Né si può più parlare di anziani o giovani, perché non corrispondono più a categorie omogenee, insiste l’assessore, è necessario un grande sforzo di innovazione sociale anche in tema economico. “Mi si potrà dire che basta spegnere la macchina. È vero, ma non credo che la città desideri una macchina spenta”. Nel dare risposte puntuali alle osservazioni delle opposizioni, sulle circoscrizioni critiche dice che “hanno deciso a prescindere dalla mia presentazione, avevano già i pareri pronti, non è stato un bell’esercizio di democrazia”. Sull’emendamento Pdl fa notare che alcune spese prese in esame per possibili tagli da scontare sull’Imu non sono modificabili perché già impegnate, mentre altre fanno riferimento a iniziative specifiche a cui l’amministrazione non intende venir meno (e ne dà dettaglio), mentre l’eventuale sconto avrebbe effetto a prescindere su tutte le categorie di reddito. Sulle parole dell’assessore si scaldano sempre più le opposizioni di centrodestra, in particolare da parte dei consiglieri Dal Mas e Pedicini. L’assessore Mio difende infine i contributi alle associazioni, perché molti sono parte integrante del piano di welfare per assicurare determinati servizi o attività alla città. Difende infine la scelta conservativa rispetto alle misure di bilancio del passato, perché di fronte a un quadro così incerto l’amministrazione ritiene più prudente agire con maggior ponderazione [VIDEO].

21.00 – Puntualizzazioni sulle cifre e sulle iniziative giungono anche dall’assessore alla cultura Claudio Cattaruzza, che afferma di aver già avviato molti dei confronti auspicati dall’opposizione (ma denuncia scarsa collaborazione da parte della Provincia). Sulla possibilità di far pagare l’ingresso ad alcuni eventi culturali, racconta dello scetticismo da parte della Regione e dell’assessore De Anna. Difende le strutture culturali che Giannelli, provocatoriamente, chiedeva di chiudere per destinare altrove i fondi, ricordando anche il ruolo di aggregazione sociale svolto da biblioteca e musei. Rispetto ai finanziamenti privati, afferma che “per sposarsi bisogna essere in due” e stigmatizza invece il taglio nei finanziamenti pubblici ad alcune manifestazioni di indubbio valore, un taglio che alla fine si ripercuote soprattutto sull’immagine della città [VIDEO, dal minuto 45:35].

22.15 – L’assessore agli affari generali Bruno Zille difende l’attività dell’avvocatura comunale, dopo le critiche seguite alle recenti sentenze sfavorevoli al Comune. Fornisce alcuni dati: l’abbattimento delle cause è stato del 46%, le cause vinte sono il 73%, quelle gestite internamente senza ricorso a professionisti esterni sono state l’80%. L’assessore afferma inoltre che non emerge l’importante lavoro di prevenzione che l’avvocatura svolge nelle pratiche correnti [VIDEO, dal minuto 55:20].

22.20 – Il sindaco Pedrotti cita la tesi recente vincitrice del Premio Bessega per parlare dell’”insostenibilità della sostenibilità”, ovvero della difficoltà di modificare l’assuefazione alle abitudini di consumo di beni e servizi, per raccontare i presupposti politici di un’amministrazione che, in un contesto di grande cambiamento, tenta di mantenere saldi alcuni presupposti di servizio. La determinazione dell’amministrazione nel mantenere alcuni livelli, spiega Pedrotti, nasce dalla volontà di garantire, almeno per il prossimo anno, la coesione sociale. Dichiara di voler far propria la mozione sugli ambiti, in contrapposizione con la definizione di area vasta che la Regione sembra intenzionata a inseguire e segnala la collaborazione spontanea che sta nascendo con molti comuni del circondario anche di colore politico differente perché i problemi soprattutto sociali che si trovano ad affrontare sono gli stessi. Contesta anche una visione dei servizi sociali che si appiattisca sulla sanitanizzazione. Difende le aliquote Imu come strumento per mantenere piano di coesione sociale di fronte alle sfide dei prossimi mesi. Difende la condivisione di informazioni e soprattutto la disponibilità dell’amministrazione di discutere personalmente i dettagli, mentre sulla trasparenza si fa vanto di aver imposto la pubblicazione quasi istantanea delle delibere e chiede la collaborazione dei consiglieri per superare ogni possibile problema di questo genere. Difende anche il profondo lavoro di dettaglio, magari poco pubblicizzato, sulle procedure interne anche e soprattutto sugli sportelli per le imprese (che a breve saranno certificati ISO 9001). Sull’Ospedale: Pedrotti dice che il Comune ha fatto tutti i passi necessari a sua disposizione e che ha in agenda una telefonata di Tondo per la prossima settimana, in cui si aspetta di avere chiarezza sul project financing e sull’effettiva richiesta di sbloccare la rivalutazione delle aree per superare gli ultimi ostacoli. Sugli utili di Gea: l’intenzione del Comune è effettivamente far ritornare l’avanzo di bilancio sulla parte idrica (se da lì proviene, dettaglio in fase di verifica dopo la fusione Gea/HydroGea). Sulle multe e sull’evasione: l’evasione non è una vessazione, dice il sindaco, riaffermando che su questo il Comune agirà con tutti i poteri a sua disposizione [VIDEO, dal minuto 59:30].

21.40 – Inizia il secondo giro di interventi. Riccardo Piccinato (Lega Nord) ricorda al sindaco che la vessazione nasce quando l’amministrazione sceglie di multare e non di prevenire. Riafferma, per rispondere alla maggioranza, che il volano migliore per la crescita è solo uno ed è detassare [VIDEO].

21.45 – “Dalle vostre affermazioni non ho l’impressione che vogliate veramente confrontarvi con l’opposizione, è solo un gioco delle parti che non porta ad alcun confronto concreto”, risponde a sindaco e giunta Giuseppe Pedicini (Pdl). “Dite una cosa, ma ne fate un’altra”, insiste: non c’è traccia di sviluppo nel bilancio, non c’è dubbio nelle azioni concrete, non c’è alcuna intenzione di mettere in discussione l’Imu. Insiste che per crescere e generare valore la macchina culturale debba affrancarsi dall’”assistenzialismo culturale” e dai finanziamenti pubblici e cominciare a correre sulle sue gambe. Difende PordenonePensa, citata dai consiglieri di maggioranza, perché se è vero che è finanziata dal pubblico, per contro costa un decimo degli altri eventi. Denuncia un atteggiamento provinciale e clientelare che non permetterà al sistema culturale di produrre quel valore che altrove produce unicità e reddito. “Non andrete da nessuna parte con questo bilancio, alla fine avremo ragione noi”, conclude [VIDEO].

21.55 – Mara Piccin (Lega Nord) fa un conto di voci di spesa considerate inutili che chiede all’amministrazione di tagliare o almeno dimezzare. Coglie e apprezza la prudenza manifestata dall’assessore Mio, ma insiste sul fatto che uno sforzo sull’Imu sulla prima casa e sui terreni agricoli si poteva fare. Promuove due ordini del giorno: il primo propone per l’istituzione di un fondo per il sostegno dell’occupazione a favore dei giovani mutuato dal Comune di San Vito al Tagliamento, per verificare progetti di avviamento al lavoro sotto forma di borse lavoro o altri strumenti simili; il secondo ordine del giorno, a sua volta mutuato dall’esperienza dell’amministrazione provinciale, prevede l’istituzione di un fondo per lo stanziamento di microcrediti a tasso zero. Risponde al consigliere Martino sugli investimenti in formazione e aggiornamento professionale da parte della Regione, snocciolando cifre a sette e otto zeri investiti in questi anni [VIDEO].

22.05 – Giovanni Zanolin (Il Ponte) interviene a nome di tutto il gruppo di minoranza di centrosinistra ricapitolando tutte le proposte e gli esempi fatti, rispetto ai quali era stata offerta una disponibilità per nulla scontata all’amministrazione. Il nodo è la generazione di valore aggiunto, perché senza valore aggiunto non arriverà l’equilibrio dei conti pubblici: “Se non cominciate subito, non farete in tempo, arriverete tardi”, dice Zanolin. Invita l’amministrazione a distinguere nel prossimo bilancio le cifre degli interventi a livello di Ambito che effettivamente restano a Pordenone, rispetto a quelli che sono invece destinati ad altri comuni. Contesta a Cattaruzza una visione statica sulla cultura. Non accoglie, infine, la pur encomiabile battaglia del centrodestra sui conti del bilancio, perché il suo gruppo non se la sente di mettere in discussione i conti nel loro complesso forniti dall’amministrazione [VIDEO].

22.15 – Non ci sono altri interventi, dunque si passa direttamente alle dichiarazioni di voto (che sono uniche ma su diversi provvedimenti). Comincia Dal Mas (Pdl), che non giudica sufficiente la visione condivisa dal sindaco e definisce ancora una volta “ragionieristico” il documento, la cui unica novità è stata l’Imu imposta dall’esterno. Ricostruisce tutte le richieste del suo gruppo e promette di continuare la battaglia per la riduzione dell’aliquota Imu fuori dal Consiglio. Dal Mas va lungo per contestare la posizione del sindaco sull’Ospedale, che a suo parere non può essere imputata totalmente alla Regione. Infine dichiara il suo voto contrario sul Bilancio [VIDEO].

22.30 – Mara Piccin (Lega Nord) annuncia il voto contrario sul Bilancio e sul regolamento dell’Imu, favorevole sui propri emendamenti e su quelli del Pdl, parzialmente favorevole sugli ordini del giorno delle minoranze di centrosinistra, contrario sugli emendamenti della giunta. Boccia, lasciando possibilità di appello per il futuro, la posizione e il documento espresso dall’amministrazione comunale: “Noi, signor sindaco, viviamo in mezzo alla gente” [VIDEO].

22.35 – Walter Manzon (Pd) dichiara il voto favorevole sul Bilancio, sostenendo appieno l’amministrazione nelle sue misure a favore dell’equita e a difesa della comunità cittadina, e sui due ordini del giorno del centrosinistra. Sull’Ospedale, il Pd resta alla finestra, dice riferendosi a Dal Mas, in attesa che la situazione si definisca [VIDEO].

22.40 – Anche Sergio Bolzonello (Il Fiume) risponde a Dal Mas sull’Ospedale, ricordando gli accordi di programma definiti con l’accordo delle parti durante la sua amministrazione. Chiude la porta a ogni possibile variazione urbanistica per il futuro (il nodo è il riuso dell’area dell’attuale ospedale, che si vorrebbe rendere redditizia per concorrere al finanziamento del nuovo nosocomio). Rispetto al Bilancio, Bolzonello insiste sulla necessità della riqualificazione della spesa, che passa attraverso le politiche. “Messi in sicurezza i conti, ora l’amministrazione deve perseguire politiche che vadano in questa direzione. Alcuni passaggi obbligati sono emersi nel dibattito di oggi e dovremo necessariamente affrontarli insieme, condividendoli pur nel rispetto dei ruoli”, dice l’ex sindaco. “Abbiamo alcune certezze: una di queste è la bontà di questo bilancio”. In quest’ottica dichiara grande interesse rispetto all’ordine del giorno delle opposizioni di centrosinistra rispetto al piano straordinario per lo sviluppo, pur conservando alcuni dubbi su alcuni passaggi che non rendono possibile votarlo favorevolmente oggi. Voto convinto a favore del monitoraggio sul gettito Imu, rispetto al quale anticipa che ogni entrata extra non potrà che andare a diminuire l’aliquota. Sull’odg sul pubblico impiego Bolzonello ricorda come la sua amministrazione a suo tempo fu l’unica a opporsi al comparto unico, dunque sposa le intenzioni che considera raccomandazione alla giunta. Voto contrario su tutti gli altri emendamenti, esclusi quelli presentati dall’amministrazione. Infine Bolzonello ringrazia tutti i tecnici del Comune per lo straordinario lavoro fatto in questi mesi in condizioni così difficili [VIDEO].

22.50 – Roberto Freschi (Vivo Pordenone) sposa gli argomenti di Bolzonello e si allinea sulle dichiarazioni di voto [VIDEO].

22.55 – Iniziano le votazioni. Il Bilancio 2012 viene approvato con 25 voti a favore e 15 contrari. Approvate anche la delibera 8/2012 (regolamento applicazione Imu), la delibera 9/2012 (imposta municipale propria) e la delibera 10/2012 (piano delle alienazioni). Respinti tutti gli emendamenti e gli ordini del giorno, fatti salvi gli ordini del giorno 3 e 4 (ambito e monitoraggio Imu) fatti propri dall’amministrazione [VIDEO].

23.05 – Il presidente scioglie la seduta. Prossimo consiglio il 23 aprile.

§

IN SINTESI. Bilancio comunale approvato in undici ore di discussione, in gran parte incentrata sull’Imu. Alla fine passa senza particolari difficoltà la linea dell’amministrazione: bilancio di continuità per garantire servizi e coesione sociale, aliquote Imu al minimo ma senza sconti. Le opposizioni portano a casa l’impegno della giunta a verificare strada facendo i gettiti fiscali, mantenendo aperto il confronto dentro e fuori il Consiglio. Ne esce con dignità l’amministrazione, che ora però ha davanti un anno di crisi durissima per inventarsi soluzioni nuove a problemi nuovi. L’opposizione di centrosinistra preme su progetti di ampio respiro, ma rispetto a questi ha messo sul piatto disponibilità a collaborare e senso civico superiori al classico gioco delle parti. Chi ha meno ragioni per essere soddisfatto è il centrodestra, dove il Pdl non solo ha visto premiata in alcun modo l’aspra battaglia condotta sulle aliquote Imu, ma ha visto anche defilarsi la Lega Nord sulla votazione di alcuni ordini del giorno proposti dalle minoranze di centrosinistra.

Consiglio comunale del 2 aprile

Il bilancio del Comune approda questa sera in Consiglio, alle 18. L’assessore Chiara Mio illustrerà i contenuti del documento, mentre la discussione fiume con le osservazioni e le controproposte dei consiglieri è rimandata alla seduta fiume già prevista del 16 aprile. Ci sarà spazio, tuttavia, per un primo dibattito sulle aliquote Imu, la nuova tassa sugli immobili che sostituisce l’Ici, stimolato da alcune interrogazioni delle opposizioni. Sull’argomento il centrodestra in particolare ha annunciato che darà battaglia, chiedendo all’amministrazione di rivedere al ribasso le aliquote e di trovare altre vie di finanziamento (da cui, per esempio, la proposta di istituire un biglietto di ingresso agli eventi di Pordenonelegge, per diminuire i costi della cultura).

Vedi i resoconti delle sedute precedenti.

§

18.20 – Il presidente Nisco Bernardi dichiara aperta la seduta. Il sindaco Claudio Pedrotti prende la parola per commemorare il sergente Michele Silvestri, caduto in Afghanistan, e chiede al consiglio di osservare un minuto di silenzio in suo onore. L’ordine dei lavori prevede la presentazione del Bilancio 2012, quindi l’esame delle mozioni di opposizione sull’Imu, quindi interrogazioni fino all’orario limite delle 22.30. In ogni caso la discussione delle mozioni non potranno procedere oltre le 23.45 [VIDEO].

18.25 – Prende la parola l’assessore Chiara Mio per cominciare la presentazione del Bilancio. Si serve di filmati di repertorio tratti dai telegiornali degli ultimi mesi per dare il contesto drammatico di crisi economica in cui il documento nasce. Cita i fondamentali economici per dare corpo alla situazione economica del territorio, che essendo basato soprattutto sul manifatturiero non ha ancora manifestato gli effetti peggiori. Rispetto al 2011 la contrazione della spesa corrente è di 9,4 milioni di euro, frutto soprattutto dei tagli nei trasferimenti. La proposta dell’amministrazione è stata di non sacrificare le politiche sociali (che anzi crescono in incidenza dell’1,36%, pur a fronte di 1,849 milioni in meno), cultura e istruzione (+1,41%, -257.000 euro) e l’ambiente e mobilità (+1,34%). I tagli maggiori sono chiesti al settore Finanze, Bilancio e Pianificazione (-3,53%), dove però pesano in positivo l’estinzione di mutui precedenti. Bisogna soddisfare i bisogni primari, dice l’assessore, ma non è possibile eliminare il superfluo (con riferimento esplicito alla cultura, ma anche al design), perché l’amministrazione considera queste spese come motore di sviluppo. Sulla proposta di conversione dei contributi pubblici per i maggiori eventi in ingressi a pagamento (il riferimento è alla proposta dell’opposizione su Pordenonelegge), Mio insiste sul fatto che le proposte sono benvenute ma devono essere realistiche. Sulle sue parole si aprono le proteste dell’opposizione, che chiede all’assessore di limitarsi all’esame del Bilancio. Riguardo all’Imu, la scelta del Comune è mantenere le aliquote base di 0,4 per la prima casa e 0,76 per le seconde case, garantendo un gettito pari all’anno precedente sul totale non prima casa, mentre l’aggiunta della prima casa porterà 4,625 milioni di euro (non presenti nel bilancio precedente perché l’Ici prima casa era stata cancellata dal governo Berlusconi). A prescindere dalle aliquote scelte dal Comune, specifica l’assessore, lo Stato chiede a questo territorio 10,5 milioni di gettito aggiuntivo che comunque andrebbero saldati, mentre il gettito che resta a disposizione del Comune è pari alle entrate Ici del Bilancio precedente. Risparmi consistenti arrivano dalla contrazione del personale comunale [VIDEO].

18.50 – Si passa all’esame dei maggiori progetti per il biennio 2012/2014. Primo: il nuovo Piano Regolatore, brevemente illustrato nelle caratteristiche dall’assessore all’Urbanistica Martina Toffolo [VIDEO, dal minuto 28:05]. Secondo: azioni in campo sociale e culturale. L’assessore ai Servizi sociali Vincenzo Romor cita in particolare l’attenzione agli anziani e ai malati (“che saranno sempre più anziani e sempre più malati”), agli asili nido e agli animali (con l’apertura del nuovo gattile), al lavoro (con diversi fondi di sostegno a giovani, disoccupati e famiglie) [VIDEO, dal minuto 30:15]. L’assessore alla Cultura Claudio Cattaruzza conferma il sostegno ai grandi eventi e al tessuto associativo cittadino [VIDEO, dal minuto 34:10]. L’assessore Mio riprende la parola per i progetti legati al mondo della scuola [VIDEO, dal minuto 36:05]. Terzo: azioni sull’ambiente, rapidamente illustrate dall’assessore Nicola Conficoni [VIDEO, dal minuto 36:50]. Quarto: i fondi del progetto europeo Pisus, da cui il comune attende circa 6 milioni di euro e di cui l’assessore agli Affari generali ricorda i principali progetti (lavori pubblici, fibra ottica, multimedialità, piste ciclabili) [VIDEO, dal minuto 38:50].

19.05 – Riprende la parola l’assessore Mio per un’esame delle principali imposte e tasse, che non vengono modificate dal Comune (ma dalla Regione sì, dice l’assessore, animando di nuovo i banchi di centrodestra). Riguardo all’addizionale Irpef, quella di Pordenone è con lo 0,2% tra le più basse in Italia. Vengono quindi illustrate alcune proiezioni rispetto all’applicazione dell’Imu con le aliquote scelte dall’Amministrazione, posta una situazione legislativa non ancora cristallizzata. Sull’ennesimo scontro a distanza sull’Imu, nasce la prima mozione d’ordine del centrodestra, che contesta i tempi a disposizione dell’assessore Mio (il ritardo di venti minuti nell’inizio del Consiglio viene imputato, infatti, alla maggioranza). L’esposizione riprende con una rapida carrellata di grafici, da cui emerge tra l’altro il minor indebitamento (79,7 milioni di euro, il più basso dal 2002) [VIDEO, dal minuto 44:00] e l’investimento di 15 milioni di euro per il 2012 (con 8 milioni di mutui) per riqualificazione di via Cappuccini, acquisto parcheggi Don Bosco, rifacimento del percorso pedonale di viale Martelli, intervento su via Ferraris, manutenzione strade, manutenzione del sistema idrografico e del Noncello, rivalutazione naturalistica aree verdi, sistemazione della scuola elementare di Vallenoncello, risanamento della discarica di Vallenoncello [VIDEO, dal minuto 60:05]. E sulla sintesi dei principali indicatori da parte dell’assessore Mio si chiude l’esame del documento di previsione [VIDEO, dal minuto 63:40].

19.25 – Interviene il sindaco Pedrotti per ringraziare i consiglieri dell’attenzione e citare il lavoro di riorganizzazione delle partecipate, che vedrà impegnato il Consiglio nei prossimi mesi. Scherza infine sul manifesto-pesce d’aprile che lo vedeva ritratto ironicamente, chiedendo una piccola correzione nelle successive edizioni [VIDEO, dal minuto 64:50].

19.30 – Si passa all’esame delle mozioni. Si comincia con la 7/2012 presentata dai consiglieri di centrodestra sulle scelte del Comune nell’adozione del decreto Salva Italia. Franco Dal Mas (Pdl) contesta all’assessore Mio di aver taciuto diversi particolari sull’applicazione dell’Imu e di aver svolto un semplice “compitino”, laddove sarebbe stato necessario uno scatto di fantasia che salvasse la proprietà immobiliare. Conclude consegnando idealmente all’amministrazione le 800 firme raccolte dai Tea Party a sostegno della mozione [VIDEO].

19.50 – La seconda mozione, 20/2012 in tema di applicazione dell’Imu minima ai terreni agricoli, viene illustrata da Mara Piccin (Lega Nord). Che inizia biasimando ricorrenti giudizi sul quotiziente intellettivo dei consiglieri di opposizione, ricordando che ognuno di loro rappresenta una quota, seppure piccola, di popolazione. Piccin si spende a favore del taglio delle imposte sui terreni agricoli, che costerebbe circa 77.000 euro di mancato introito, ma darebbe respiro a un settore in difficoltà. Si dice pronta a ritirare la mozione, anche in considerazione di un emendamento pendente, ma chiede all’amministrazione di valutare l’ipotesi [VIDEO, dal minuto 19:30].

20.00 – Inizia il dibattito, con Giuseppe Pedicini (Pdl) che si dichiara infastidito per il mancato rispetto delle decisioni sull’ordine dei lavori in sede di conferenza dei capigruppo. Contesta il modo poco politico in cui è stato presentato il dibattito, che non ha permesso di cogliere dettagli importanti. Nota che l’assessore ha impostato la presentazione partendo dalle giustificazioni, addossando le responsabilità ad altri, per nascondere il fatto che il bilancio è sostanzialmente identico al passato e non porta le innovazioni che una nuova amministrazione avrebbe potuto apportare. Suggerisce alcuni scenari più favorevoli alle famiglie monoreddito che avebbero potuto essere considerati. Si dice preoccupato di come il calo dei redditi influirà sulle entrate del prossimo anno. Dice al sindaco che questo Bilancio non gli fa onore e che, nel non voler accettare alcun suggerimento da parte dell’opposizione, si dimostra poco intelligente. “La scommessa la dovevate giocare quest’anno, perché state viaggiando verso il default”, afferma Pedicini [VIDEO].

20.10 – Emanuele Loperfido (Pdl) è preoccupato che si vada a toccare il bene primario della popolazione pordenonese da quando ha avuto possibilità di risparmiare qualcosa, ovvero la casa, anteponendogli altri interessi. Non è colpa del governo Monti, dice Loperfido, perché attraverso le aliquote ogni Comune ha margini di scelta. Invita l’assessore Romor a battere i pugni e a pretendere maggiori garanzie per l’assistenza sociale dei cittadini. Invita l’amministrazione a tagliare non la cultura, ma anche la cultura, perché tutti devono fare il proprio piccolo sforzo di risparmio pur di tagliare l’Imu sulla prima casa [VIDEO].

20.20 – Anche Francesco Ribetti difende la posizione del Pdl sui tagli alla cultura. Polemizza con il curatore di Pordenonelegge Gianmario Villalta, che sulla stampa aveva bocciato l’ipotesi di pagare un euro per gli ingressi alla manifestazione perché avrebbe portato un utile ridicolo, chiedendo di metterne in discussione le capacità. Cita amministrazioni pur politicamente vicine a quella di Pordenone che hanno fatto scelte molto più favorevoli ai cittadini nell’applicazione dell’Imu e chiede all’assessore al Bilancio di non nascondere il dito dietro le scelte altrui [VIDEO].

20.30 – Marcello Passoni (Pd) si dice convinto che questa discussione sarebbe dovuta avvenire in sede di analisi del Bilancio tra due settimane, perché non si può ridurre l’intero documento alle imposte sulla casa. Ricorda le incertezze che ancora pesano sulla materia e ripercorre i numeri dei trasferimenti a favore dello Stato. È certo che il Comune non lascerà indietro le persone più svantaggiate e ricorda gli interventi di potenziamento del fondo sociale. Ricorda come a livello di territorio omogeneo Pordenone ha scelto comunque l’impatto più basso possibile (tra i mugugni delle opposizioni), scegliendo di non tagliare i servizi [VIDEO].

20.40 – Giovanni Zanolin (Il Ponte) dice che è difficile discutere di Imu senza considerare il Bilancio nel suo complesso. Riconosce coerenza tra il Bilanco e gli impegni presi in campagna elettorale, confermandone il giudizio fortemente critico. Imputa al Comune di non comprendere le ragioni della crisi e dunque di reagire in modo sbagliato, in particolare rispetto al cambiamento del mercato e all’enorme debito pubblico causato dal gigantismo istituzionale. Rileva il tentativo di tenere in piedi tutto quello che c’è pur in condizioni che evidentemente non lo permettono, portando il prossimo anno a una manovra molto dura. “Ci vorranno anni per uscire da questo stato di cose”, afferma, e non è sufficiente compensare con gli investimenti nelle politiche sociali. Serve più libertà economica, più flessibilità imprenditoriale, deistituzionalizzazione, pertanto si dice critico anche sulle proposte della destra, che pure si dichiara disposto a sostenere [TESTOVIDEO].

20.50 – Marco Salvador (Il Fiume) polemizza con le posizioni del centrodestra, sottolineandone quelli che a suo dire sono incongruenze e accenti demagogici. Ricorda come l’Imu permetta di mantenere servizi indispensabili: tagliarli, cultura compresa, “significherebbe strangolare la città”. Si dice certo della capacità dell’amministrazione di sostenere i più deboli e di affrontare la crisi con gli strumenti forniti dalle politiche sociali [VIDEO].

20.55 – Isena Peresson (Lega Nord) riprende la difesa della casa come frutto dei sacrifici e dei risparmi dei lavoratori e delle famiglie e critica la scelta del governo nazionale in primis di essere tornato al passato su una misura di questo tipo. Cita la “beffa” dell’Imu per gli anziani ospitati in casa di riposo, a cui è richiesta un’aliquota da seconda casa. Si augura che non si usi questa tassa esclusivamente per fare cassa e chiede ragionevolezza almeno sulla prima casa [VIDEO].

21.00 – Alberto Rossi (Api) sostiene che nel Consiglio dovrebbe prevalere la responsabilità di rappresentare gli interessi e le aspettative della comunità pordenonese, altrimenti diventa soltanto una questione di scaricamento di responsabilità. E ricorda come l’Imu sia stata un’idea di Tremonti avvallata a suo tempo dalla Lega Nord, mentre Monti non ha fatto altro che anticiparne l’applicazione, sostenuto responsabilmente da un’ampia coalizione. Le tre parole d’ordine, afferma Rossi, sono rigore, equità e sviluppo, ma “non ho letto in questo Bilancio questo sforzo strategico e strutturale”. Chiede compartecipazione nella gestione della crisi, perché è necessario allargare le basi di corresponsabilità di questo passaggio storico. Critica a questo proposito il presidente della Provincia Ciriani, che alimenta divisioni laddove le proposte andrebbero condivide e discusse assieme. Conclude invitando la Giunta ad aprirsi all’opposizione e alla città per confrontarsi in modo più aperto delle scelte da prendere nell’interesse della città [VIDEO].

21.10 – “Pasticcio Imu”, attacca Lucia Amarilli (Sel/Idv/Del Ben) citando un titolo di giornale. Tutto si può dire tranne che l’Imu sia equa (l’imposta fissa in particolare), dunque il Comune – dice – dovrebbe tenerne conto nell’applicazione. A Pordenone andrebbe applicata l’aliquota più bassa possibile, perché il suo costo sarà trasferito sugli affitti e sulle categorie più fragili. Il suo gruppo condivide la mozione del centrodestra e chiede alla giunta di centrosinistra lo sforzo di trovare ulteriori detrazioni a vantaggio delle categorie più deboli [VIDEO].

21.20 – Dario Zanut (Il Fiume) prende la via della polemica politica per ricostruire la genesi dell’Imu e giustifica la sua esistenza come una questione di responsabilità. È necessario fare scelte importanti, a maggior ragione in presenza di condizioni di bilancio virtuose come quella del Comune di Pordenone. Dobbiamo tuttavia renderci conto di più che siamo in crisi, dice Zanut, e che la giunta dovrebbe aumentare il numero di giri per trovare soluzioni e proposte. A chi suggerisce di tassare i redditi e non la proprietà ricorda che cosa siano i redditi in Italia e di come tassare il reddito significherebbe pesare ancor di più sulle situazioni di maggior difficoltà [VIDEO].

21.30 – Sandro Del Santo (Pd) prende pacatamente le distanze dal governo Monti e anche dall’Imu voluta dal governo Berlusconi. Dice di vergognarsi di appartenere a una categoria imprenditoriale che dichiara di guadagnare mediamente il 10% in meno dei dipendenti, e su questo basa la sua critica a chi chiede la tassazione sui redditi e non sulla proprietà. Non vede altra alternativa all’Imu che il taglio del budget per i servizi sociali [VIDEO].

21.35 – Anche Roberto Freschi (Vivo Pordenone), citando ritagli di giornale degli ultimi mesi, insiste sulla responsabilità richiesta dal periodo difficile e dalla necessità di riparare le scelte del passato, non potendo mettere in discussione il livello dei servizi del territorio. Ricorda il carattere sperimentale dell’Imu e come il governo, anche in caso di scelte comunali favorevoli al cittadino, richieda comunque il trasferimento intero, stimato secono le aliquote base. Si spende perché non ci si limiti a un atteggiamento ragionieristico, ma ci sia una consapevolezza e una presa d’atto di ciò che stiamo vivendo, altrimenti difficile sarà “passare la nottata”. Identifica la soluzione in un grande progetto comune di revisione del sistema impositivo italiano [VIDEO].

21.45 – Walter De Bortoli (Pdl) chiede retoricamente all’assesore Mio chi mai investirà in questo Paese di fronte a questi livelli di imposizione sui capannoni industriale. Un tempo ci si chiedeva come essere attrattivi rispetto ai comuni contigui e da un sindaco che viene dall’impresa e non dalla politica si sarebbe potuto aspettare scelte coraggiose per il capoluogo. Ricorda come questo territorio abbia investito tutti i giorni della sua vita nella costruzione delle sue proprietà e fa notare come oggi si sarebbe potuto scegliere di fare una strada in meno, una pista ciclabile in meno pur di dare un segnale. “Siete convinti che l’Italia sia censita come Pordenone? Noi pagheremo tutto, perché anche una baracca qui è censita”, suggerendo l’iniquità dell’imposta in un sistema catastale non uniforme e altrettanto rigido altrove [VIDEO].

21.55 – “Siamo qui per discutere sulla possibilità di incidere al ribasso sulle stime del governo centrale. Questa amministrazione, in continuità con la precedente, si è sempre vantata della solidità del suo bilancio. E allora perché non provare ad abbassare le aliquote?”, esordisce Andrea Cabibbo (Pdl), che stima in 5 milioni di euro la differenza. Le domande che si pone Cabibbo sono due: come si vogliono spendere i soldi dell’Imu e dove sono finiti tutti i soldi entrati nei bilanci precedenti, a comunciare dai dividendi Atap. Quindi cita alcune cifre tratte dal Bilancio precedente (costi per inaugurazioni del padiglione di arte contemporanea, ecc.), che giustifica come scelte politiche che l’amministrazione ha fatto, continua a fare e di cui si assumerà la responsabilità [VIDEO].

22.00 – Walter Manzon (Pd) nota come di fatto si stia già parlando di Bilancio e non di mozioni sull’Imu. Ricorda che l’amministrazione deve mantenere alto il livello di investimento, in particolare in ambito culturale. Così come fondamentale è la tutela dei servizi sociali [VIDEO].

22.05 – Riccardo Piccinato (Lega Nord) ringrazia sarcasticamente l’assessore Mio per aver informato l’aula sull’esistenza della crisi e aver diffuso terrorismo psicologico. Si chiede se aliquote così alte non disincentiveranno gli investimenti immobiliari sul nostro territorio. Propone di investire un milione di euro o poco più per ridurre almeno di un punto l’aliquota sulla prima casa [VIDEO].

22.10 – Loris Pasut (Il Ponte) si dice impressionato dall’intervento del sindaco a conclusione della presentazione del dibattito. “Mi sarebbe venuto in mente di tutto, ma non una difesa mia personale di fronte a un pesce d’aprile”. E suggerisce tutti gli argomenti che lui avrebbe usato, nei suoi panni, per giustificare le misure contenute nel Bilancio. Per arrivare a sostenere il salto culturale che Il Ponte chiede con regolarità all’amministrazione comunale [VIDEO].

22.15 – Alberto Rossi (Api) annuncia di aver presentato a nome delle minoranze di centrosinistra un ordine del giorno per la creazione di un tavolo della crisi con tutti i referenti istituzionali del territorio per assumersi e condividere le scelte necessarie, superando i conflitti attuali. Interviene Pedrotti per supportare l’iniziativa e farla propria: questi incontri, a livello formale, già si fanno e non sarebbe male istituzionalizzarli. Ne approfitta per chiarire sull’Imu che l’amministrazione ha fatto scelte consapevoli e frutto di approfondimenti: “dite che ce ne assumeremo le responsabilità, ma noi siamo qui proprio per questo”. A Pasut dà atto delle rispettive differenze di ragionamento, punzecchiandolo sulle sue parole di oggi e del Consiglio precedente con sarcasmo [VIDEO].

22.25 – Si passa alle dichiarazioni di voto. Del Ben (Sel/Idv/Del Ben) dice di temere il carattere sperimentale dell’Imu perché, scherza, “se dovesse funzionare poi finisce che la lasciano”. Si spende per una maggiore considerazione delle situazioni di difficoltà. Accoglie la proposta di abbassamento delle aliquote formulato nella mozione dei consiglieri di centrodestra, ma nota che il Bilancio viene fornito sostanzialmente chiuso, senza reali possibilità di intervento per le opposizioni. “Preferisco non far danni che medicare i danni fatti” [VIDEO].

22.35 – Mara Piccin (Lega Nord) ritiene che sia stato utile discutere delle aliquote Imu, perché il Consiglio ha avuto modo di chiarirsi le idee e anche di prendere atto dell’impostazione a senso unico dell’amministrazione. Basta riferirsi ai trasferimenti regionali, basta anche citare genericamente il taglio dei servizi, perché quei servizi sono diversi e sono frutto di scelte politiche. Insiste sulle differenze tra l’Imu così com’era stato progettato dal governo Berlusconi e quello poi varato dal governo Monti. Dichiara il suo gruppo favorevole alla mozione del Pdl e di mantenere valida la mozione sui contributi agricoli. Sull’ordine del giorno promosso da Rossi e fatto proprio dal sindaco chiede che i consiglieri siano tenuti informati, per dare seguito alle discussioni [VIDEO dal minuto 7:40].

22.45 – Franco Dal Mas (Pdl) boccia totalmente la presentazione del Bilancio dell’amministrazione Pedrotti, si scaglia con veemenza contro l’assessore al Bilancio che ha ignorato per tutta la sera il dibattito dell’Aula. Al sindaco dà l’insufficienza piena, perché incapace di intervenire sull’argomento. A Rossi imputa di aver confezionato un ordine del giorno apprezzabile nell’ispirazione, ma irricevibile quando poi se la prende col presidente della Provincia. “Oggi abbiamo perso tempo, questa è un’amministrazione tetragona, la faccia dell’assessore è tetragona”. Infine preannuncia una proposta minuziona per la ridefinizione del bilancio per togliere quella che non è altro che una patrimoniale mascherata [VIDEO dal minuto 16:10].

22.50 – Alberto Rossi (Api) annuncia voto favorevole perché pur non condividendo tutti i presupposti della mozione, apprezza il fatto che abbia stimolato un dibattito su un’equità che l’amministrazione ha dimenticato di applicare nella stesura del Bilancio. Conferma i motivi di biasimo alle dichiarazioni del presidente Ciriani, ma a maggior ragione sostiene la necessità di un confronto aperto e partecipato [VIDEO dal minuto 20:55].

22.53 – Mario Bianchini (Il Fiume) dice di essere stato disponibile a ricredersi sulle aliquote Imu ma di non aver ricevuto elementi utili a convincersi. Preannuncia il voto contrario del suo gruppo. Voto contrario anche per il Pd, annunciato da Walter Manzon [VIDEO dal minuto 23:25].

22.55 – Si votano le due mozioni, che vengono entrambe respinte con 15 voti a favore e 25 contrari [VIDEO]. La seduta viene tolta [VIDEO].

§

IN SINTESI. L’amministrazione presenta un Bilancio in continuità con il passato, adeguato alle contingenze di una crisi che impone tagli importanti e altrettanto importanti carichi fiscali a carico dei cittadini. Spingendo più sui temi della crisi che sulla visione politica per contrastarla, non riesce a dominare un dibattito che vede invece molto agguerrite le opposizioni. Le due mozioni sulla riduzione dell’Imu sotto la quota base e per le proprietà agricole vengono tuttavia bocciate a maggioranza. Appuntamento tra due settimane per la discussione sul Bilancio.

Consiglio comunale del 6 febbraio

Il Consiglio comunale di Pordenone è convocato questa sera alle 18. All’ordine del giorno spicca la discussione sugli indirizzi generali per la designazione dei rappresentanti del Comune presso enti, aziende, società e istituzioni.

L’Arca di Naon seguirà i lavori in liveblogging.

§

Ore 18.30. Il presidente del Consiglio Nisco Bernardi dichiara aperta la seduta. Sono assenti i consiglieri Emanuele Loperfido (Pdl), Andrea Cabibbo (Pdl), Roberto Freschi (Vivo Pordenone), Mauro Tavella (Nuova Pordenone) e l’assessore all’Istruzione e al Bilancio Chiara Mio.

Ore 18.35. Il sindaco Claudio Pedrotti traccia un ricordo di due protagonisti della vita politica pordenonese recentemente scomparsi, l’ex sindaco Giacomo Ros e l’ex parlamentare Francesco De Carli. Dopo averne riassunto i profili biografici e politici, Pedrotti esprime nei loro confronti il pensiero grato dell’intera comunità cittadina. Viene ricordato anche il presidente emerito della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro, in memoria del quale il Consiglio osserva un minuto di silenzio. Durante il ricordo di Scalfaro, il consigliere Francesco Ribetti (Pdl) esce polemicamente dall’aula e al rientro si dissocia espressamente dall’omaggio alla vicenda politica dell’ex presidente.

Ore 18.45. Il presidente Bernardi dà lettura delle interrogazioni a cui è stata data risposta scritta.

Ore 18.50. Il sindaco Pedrotti dà conto di alcuni prelievi dal fondo di riserva. Si tratta di un prelievo di 60.000 euro per spese correnti e per incarichi professionali propedeutici al piano strategico cittadino e di ulteriori 190.000 euro per la realizzazione del piano acustico e della mobilità precedentemente iscritti a bilancio come investimenti, ma che secondo il parere degli organi di controllo non possono più essere considerati tali (VIDEO).

Ore 18.55. Secondo le decisioni assunte dalla conferenza dei capigruppo, si procederà per mezzora all’esame delle interrogazioni, quindi verrà dedicata un’ora alle mozioni, infine saranno discusse le delibere fino al limite massimo delle 22.30. Sulla derubricazione a mozione dell’ordine del giorno presentato dalle minoranze sulla vicenda dell’abuso edilizio di piazza Costantini, impostazione che rimanderebbe ulteriormente la discussione, si aprono subito diverse mozioni d’ordine da parte dei consiglieri Pedicini (Pdl), De Bortoli (Pdl), Piccinato (Lega Nord), Dal Mas (Pdl). Rossi (Api) e Giannelli (Gruppo misto) ricostruiscono la discussione in conferenza dei capigruppo, esprimendo rammarico per le contestazioni dei colleghi. Pedrotti chiude la discussione impegnandosi, qualora i tempi non lo consentissero entro il termine della seduta, a prevedere la mozione come primo punto all’ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale.

Ore 19.25. Vengono discusse alcune interrogazioni del consigliere Giannelli (Gruppo misto) in sospeso fin dal mese di agosto 2011: sul piano di recupero del laghetto ex Enel (37 e 38/2011, risponde l’assessore all’Urbanistica Toffolo – VIDEO), sul decoro degli spazi pubblici davanti ai bar (41/2011, risponde l’assessore alla sicurezza Moro – VIDEO), sul degrado e sulla mancata manutenzione di piazza XX settembre (42/2011, risponde l’assessore ai lavori pubblici Mazzer, che annuncia il potenziamento dell’illuminazione sui percorsi pedonali – VIDEO), sulla possibilità di installare altri semafori per pedoni sul ring (43/2011, risponde l’assessore Mazzer, che anticipa l’installazione di un semaforo davanti alla stazione ferroviaria – VIDEO), sulla manifestazione Amici degli animali in fiera (46/2011, risponde l’assessore alle Politiche sociali Romor, che spiega come il patrocinio del Comune sia stato utilizzato senza autorizzazione – VIDEO).

Ore 20.00. Si passa all’esame delle mozioni. Viene distribuito un documento integrativo all’ordine del giorno, poi trasformato in mozione, dei consiglieri Del Ben, Amarilli, Pasut, Zanolin e Rossi su differenziazione e riciclaggio dei rifiuti senza prevederne l’incenerimento. Su proposta degli stessi proponenti, la discussione viene rimandata al prossimo Consiglio, per permettere ai consiglieri un esame puntuale del materiale (VIDEO).

Ore 20.20. Viene esaminata la mozione 5/2011 sul piano dei parcheggi per i residenti in centro città e sulla riprogettazione di piazza XX settembre. Francesco Giannelli (Gruppo misto) stimola l’amministrazione a considerare soluzioni più moderne, come i parcheggi in silos interrati, che sfruttino lo spazio in modo da sostenere la domanda di posti auto e liberare le strade (VIDEO). L’assessore all’Ambiente Nicola Conficoni ripercorre la filosofia consolidata dell’amministrazione in tema di mobilità e gestione della sosta, sottolineando la costruzione di numerosi parcheggi multipiano e i benefici che questi hanno portato al traffico cittadino. Ricorda anche che è in realizzazione il nuovo piano della mobilità, su cui nel prossimo futuro sarà interessato lo stesso Consiglio. Giovanni Zanolin (Il Ponte) insiste sulla necessità di un cambio radicale di mentalità sul tema dello spostamento delle merci e del trasporto pubblico, che argini il processo di motorizzazione che ha contraddistinto degli ultimi anni (VIDEO). Walter De Bortoli (Pdl) si chiede perché tutti gli uffici e i servizi provinciali si trovino in centro città, mentre potrebbero essere decentrati in zone periferiche (VIDEO). Sergio Bolzonello (Il Fiume), apprezzando l’inizio del processo di elaborazione del nuovo piano regolatore, ricorda come l’orizzonte temporale delle scelte strategiche si stia riducendo e sia necessario procedere a un ripensamento ampiamente partecipato della città (VIDEO). Giuseppe Pedicini (Pdl) afferma che la città non cambia soltanto con i piani regolatori, ma con le scelte amministrative che vengono fatte giorno per giorno da chi amministra la città, scelte per le quali nessuno si assume le responsabilità e che invece condizionano pesantemente il ripensamento che si vorrebbe oggi (VIDEO). Alberto Rossi (Api) nota come anche le modalità di governo locale dovranno cambiare, alla luce dei tagli sempre più drastici di risorse: è necessario progettare una città diversa, dice, perché i rapporti umani e gli stili di vita saranno molto diversi dal passato (VIDEO). Secondo Walter Manzon (Pd) è il momento di ripensare i ritmi della città e ricorda gli indirizzi politici già intrapresi nel recente passato, a cominciare dal ridimensionamento delle prospettive di crescita della città e la necessità di nuove relazioni a livello di conurbamento (VIDEO). Francesco Ribetti (Pdl) ritorna sull’argomento della mozione e si dichiara scettico sulla possibilità che il Comune possa assumersi un progetto finanziariamente molto impegnativo come quello proposto da Giannelli, tuttavia sottolinea la necessità di prendere più seriamente in considerazione le istanze dei residenti in centro città (VIDEO). Interviene il sindaco per segnalare come l’agenda politica che l’amministrazione sta seguendo incontri ampiamente gli spunti emersi dal dibattito (VIDEO). Giannelli accoglie l’intervento del sindaco come un’apertura e si dichiara disponibile a trasformare la mozione in raccomandazione (VIDEO): «La città è il centro, la vita è in centro, gli affari stanno in centro. Chi vuole la pace esce dalla città. È necessario supportare con servizi adeguati questo processo naturale. Una città va progettata: è una volontà politica, l’architetto si adegua».

Ore 21.30. Si passa alle delibere, cominciando con l’adozione della variante 128 al piano regolatore cittadino per l’apertura di un collegamento viabilistico tra le vie Ferraris e Stradelle conseguente all’incremento di traffico scolastico seguito all’insediamento dell’Istituto Flora (1/2012). L’assessore all’Urbanistica Martina Toffolo illustra i vari passaggi tecnici che hanno permesso di giungere alla variante e le perequazioni ai privati per le proprietà interessate dalle modifiche proposte. Nella stessa zona è prevista anche la costruzione di una scuola materna. L’assessore ai Lavori pubblici Renzo Mazzer presenta i dettagli del piano di realizzazione, che prevedono la realizzazione di una bretella che dall’incrocio tra via Galilei e via Stradelle, dove sarà realizzata una rotonda, arriverà direttamente in via Ferraris, di fronte all’Istituto Flora, mettendo in sicurezza il percorso degli studenti. Zanolin (Il Ponte) chiede chiarimenti sulla riperimetrizzazione di un impianto fotovoltaico privato citata in precedenza dall’assessore Toffolo e ne esce un botta e risposta che richiede anche l’intervento dei tecnici comunali (VIDEO). Piccinato (Lega Nord) propone un maggior distanziamento dell’attraversamento pedonale interessato dal transito di corriere, per consentire migliore visibilità e condizioni di maggior sicurezza per gli studenti. Pedicini (Pdl) attacca il presupposto urbanistico dell’operazione, in particolare la previsione di una scuola materna, la cui realizzazione è per il momento soltanto un’ipotesi. Rossi (Api) torna a speculare sull’impianto fotovoltaico rizonizzato, seguito da Bolzonello (Il Fiume) che prima ridefinisce la questione relativa all’impianto fotovoltaico per evitare ogni fraintendimento e quindi inserisce la volontà di costruire una scuola materna nell’ambito dell’espansione del quartiere Torre. Piccin (Lega Nord) si dichiara presa in contropiede da una delibera che doveva interessare soltanto un collegamento viabilistico necessario alla sicurezza dell’area, ma che nel corso della discussione ha raccolto considerazioni molto più ampie sul destino di quella parte di città. Zanolin raccomanda al sindaco la necessità di procedere a una maggiore programmazione urbanistica, che non lasci margini per operazioni dettate dall’urgenza a vantaggio più dei privati più che dell’amministrazione. La delibera viene posta ai voti e approvata a maggioranza, con l’astensione delle opposizioni (VIDEO).

Ore 22.30. Il presidente Bernardi dichiara chiusa la seduta e aggiorna i lavori a lunedì 13 febbraio.

§

IN SINTESI. È l’ennesimo Consiglio in cui le diatribe procedurali sottraggono tempo prezioso all’esame di delibere pur attese, come quella sui criteri di nomina dei rappresentanti del Comune in enti e società partecipati (rimandata alla prossima convocazione). Interrogazioni ormai superate dagli eventi o usate come pretesto per discussioni molto più ampie sulla gestione cittadina rendono sostanzialmente impossibile un lavoro organico ed efficace dei consiglieri, i quali per parte loro indulgono in speculazioni spesso del tutto fuori registro oppure dettate da palese superficialità o ignoranza della materia. È la democrazia, ripetono spesso, quasi a giustificazione. Ma democrazia è anche far funzionare al meglio gli organi politici che regolano la comunità. In concreto, dall’incontro esce soltanto la variante viabilistica al servizio del Flora e l’annuncio dell’installazione di un semaforo per i pedoni di fronte alla stazione ferroviaria. Un po’ poco.