Archivi tag: Giorgio Napolitano

Consiglio comunale del 9 luglio

Lunedì alle 18 è convocato il Consiglio comunale di Pordenone. All’ordine del giorno, oltre alla discussione di interrogazioni e mozioni, tre delibere della giunta: l’approvazione della variante urbanistica che apre un nuovo collegamento viario su via Caboto per l’area della nuova Questura (già approvata il 7 maggio), l’aggiornamento regolamento per i sistemi di videosorveglianza.

Vedi i resoconti delle sedute precedenti.

§

18.20 – Il sindaco Pedrotti apre informalmente la seduta per presentare un ospite speciale. Si tratta di Michele Pontrandolfo, di ritorno dalla prima attraversata totale della Groenlandia. La spedizione è stata sostenuta tra gli altri proprio dall’amministrazione comunale. Nel suo intervento Pontrandolfo condivide con abbondanza di superlativi le difficoltà della sua impresa polare, mentre sullo schermo scorrono alcune immagini dei suoi sforzi sul ghiaccio. Un applauso suggella la sua partecipazione e la promessa di riprovare ancora una volta l’attraversata del Polo Nord, fallita l’anno scorso [VIDEO].

18.40 – Nisco Bernardi apre i lavori del Consiglio. Sono assenti i consiglieri  Bonato, Amarilli e Biason. Riprende la parola Claudio Pedrotti, che dà conto di prelievi dal fondo di riserva per 15.000 euro per portare la fibra ottica alla scuola media Pasolini e per l’estensione della videosorveglianza. Mara Piccin (Lega Nord) chiede i motivi che hanno spinto la giunta a investire su quella specifica scuola e se tutte le altre scuole siano già raggiunte dalla fibra. Pedrotti spiega che in quel plesso è in corso un progetto sperimentale per portare la rete in ogni classe e che la vicinanza a via Nuova di Corva rendeva agevole portare i cavi fino all’istituto. Loris Pasut (Il Ponte) chiede al sindaco di presentare il segretario dell’assemblea. Pedrotti spiega che si tratta di Primo Perosa, sostituto del segretario generale Paolo Gini, che si trova in ferie fino al 18 luglio. Infine Bernardi comunica l’ordine dei lavori concordato dai capigruppo: si esamineranno le delibere, quindi le mozioni fino all’orario limite delle 22.30 (niente interrogazioni, dunque) [VIDEO dal minuto 19:50].

18.50 – La prima delibera (22/2012) riguarda la modifica del regolamento del servizio di videosorveglianza sul territorio comunale. L’assessore alla sicurezza Flavio Moro introduce le variazioni introdotte, alla presenza del comandante dei vigili urbani Buranel. Marcello Passoni (Pd) chiede qualche approfondimento sull’uso e sui risultati della rete di telecamere installate. Buranel spiega come le immagini siano state finora utili soprattutto per trovare i responsabili di vandalismi e atti di degrado o per accertare la dinamica di incidenti. Andrea Cabibbo (Pdl) chiede per quanti giorni sono conservate le immagini ed entro quanti giorni sono mantenute le immagini. Attualmente le immagini sono conservate per tre giorni, spiega Moro, il nuovo regolamento porta questo termine a sette giorni. In caso di richieste specifiche dell’autorità giudiziarie la conservazione può essere anche superiore. Loris Pasut (Il Ponte) chiede se è previsto un miglioramento tecnologico, in particolare riguardo alla definizione dell’immagine. Due i percorsi previsti dall’amministrazione a riguardo, dice Moro: il primo è il collegamento in fibra ottica degli impianti e il secondo, per cui si sta verificando la disponibilità della Regione, è la sostituzione degli impiani più vecchi tra quelli installati. Francesco Ribetti (Pdl) chiede lumi sull’articolo del regolamento che attribuisce alla Giunta comunale il controllo sui sistemi. Moro risponde che è una decisione della giunta stessa, ma sottoposta al vaglio della Commissione sicurezza. Giovanni Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) chiede perché la delibera non è stata passata al vaglio delle circoscrizioni, Moro risponde che non ne è stata ravvisata la necessità [VIDEO].

19.00 – Mentre è in corso la discussione sulla videosorveglianza, il Pdl presenta una mozione urgente, sottoscritta anche da Lega Nord, Nuova Pordenone e Giannelli del Gruppo Misto, che chiede al sindaco di non procedere alla sostizione dell’assessore Chiara Mio, dimessasi nei giorni scorsi, ma di redistribuire le deleghe all’interno della Giunta comunale, per garantire un risparmio all’amministrazione.

19.05 – Esauriti i chiarimenti, Gregorio Martino (Pd) apre la discussione sul nuovo regolamento per la videosorveglianza, sottolineando l’importanza di questi impianti anche in recenti fatti di cronaca e anticipando il pieno sostegno del suo partito [VIDEO]. Anche Francesco Ribetti (Pdl) ammette il contributo importante che i sistemi di videosorveglianza stanno dando alla sicurezza, ma insiste sull’opportunità che le decisioni sul loro utilizzo non spettino esclusivamente alla giunta comunale ma coinvolgano anche il Consiglio [VIDEO]. Matteo Loro (Pd), infine, porta l’attenzione sul rispetto della privacy [VIDEO].

19.15 – Dichiarazioni di voto [VIDEO]. Secondo Giovanni Zanolin si impone una nuova riflessione sui diritti (in particolare di privacy) dei cittadini, ma apprezza il lavoro dell’assessore e dei tecnici e preannuncia il voto favorevole de Il Ponte. Giovanni Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) critica aspramente la scelta di non coinvolgere le circoscrizioni e rinuncia per protesta alla votazione, estraendo la tessera dal sistema informatico dell’aula consigliare. Roberto Freschi (Vivo Pordenone) e Gianantonio Collaoni (Il Fiume) traccia un bilancio tra pro e contro, annunciando i voti positivi dei loro gruppi. Francesco Ribetti apprezza i passi avanti del regolamento, ma non li ritiene sufficienti. Critica anche l’accesso ai fondi regionali, che dovrebbero essere lasciati ai privati. Anticipa dunque l’astensione del Pdl. Si vota: 28 voti favorevoli, 8 astenuti, la delibera è approvata [VIDEO].

19.30 – Mozione d’ordine di Francesco Ribetti (Pdl), che chiede l’anticipazione delle due delibere rimanenti, per consentire a Emanuele Loperfido, in procinto di lasciare l’Aula per altri impegni, di partecipare alla votazione del nuovo collegio dei revisori. Sentito un intervento contrario (Bianchini, Il Fiume) e uno a favore (Dal Mas, Pdl), si apre la votazione, che dà esito contrario. Proteste dai banchi dell’opposizione [VIDEO].

19.40 – Con la seconda proposta di delibera (23/2012), l’assessore all’Urbanistica Martina Toffolo prende atto che non sono intervenute osservazioni e opposizioni sulla variante 67 per la sistemazione dell’area ex Birreria e chiede al Consiglio l’approvazione [VIDEO]. Non si sviluppa discussione fino alle dichiarazioni di voto [VIDEO], quando un Walter De Bortoli (Pdl) alterato, che protesta per il modo con cui l’amministrazione chiede di votare delibere che poi disattende, come a suo dire nel caso del piano per via Cappuccini. Quindi è Francesco Giannelli (Gruppo misto) a protestare, imputando al presidente Bernardi di non aver protetto i regolamenti lasciando che De Bortoli parlasse a prescindere dal tema in discussione e polemicamente abbandona l’aula. Mauro Tavella (Nuova Pordenone) si chiede perché l’amministrazione non voglia prendere in considerazione la realizzazione di una rotonda davanti all’area della questura, invece di creare un anello a senso unico che coinvolge via Caboto. Comunque si vota: 22 favorevoli, 9 contrari, 3 astenuti, la delibera passa [VIDEO].

19.50 – Terza delibera (24/2012) sulla nomina del collegio dei revisori per il triennio 2012-2015. Viene introdotta dal sindaco Pedrotti. Marco Salvador (Il Fiume) propone a nome della maggioranza Guido Turian e Maurizio Pivetta. Francesco Ribetti (Pdl) presenta la candidatura di Giuseppe Rivaldo. Mara Piccin (Lega Nord) propone Monica Deotto. Così la votazione (palese): Taurian 22 voti, Pivetta 21, Rivaldo 6, Deotto 4, astenute le opposizioni di centrosinistra. Eletti, dunque, Taurian, Pivetta e Rivaldo. Si vota la delibera: 28 voti favorevoli, 3 astenuti [VIDEO].

20.20 – Si passa alle mozioni. Assenti Loperfido e Giannelli, le cui mozioni erano in cima alla lista, si comincia con la 2/2012 della maggioranza sul Consorzio universitario. È il sindaco Pedrotti ad aggiornare il Consiglio sul percorso avviato dal consiglio di amministrazione per migliorare la governance dell’ente, alla luce del quale chiede ai proponenti di rinviare la discussione a settembre, quando un dibattito politico sul futuro universitario in città sarà quanto mai opportuno. Concorda Tomasello (Pd). Giovanni Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) chiede che non si usino due pesi e due misure, dunque come avvenuto nel corso delle sedute precedenti pretende che la mozione sia discussa o ritirata. Chiede inoltre a Pedrotti che sia lui a sottoporre l’argomento al Consiglio e non la maggioranza a suggerirne la discussione. Anche Francesco Ribetti (Pdl), Riccardo Piccinato (Lega Nord) e Mauro Tavella (Nuova Pordenone) chiedono il ritiro della mozione per gli stessi motivi. Sergio Bolzonello (Il Fiume) fa notare con energia le differenze tra i casi citati dalle opposizioni e quello in discussione: in questo caso non sono i proponenti a chiedere di rimandare, ma il sindaco, come nelle sue prerogative. Legge inoltre nelle parole del sindaco l’intenzione di convocare un Consiglio comunale aperto sull’argomento. Giovanni Zanolin (Il Ponte) accoglie “con molto favore” l’intenzione del sindaco di affrontare l’argomento in modo approfondito in un Consiglio comunale aperto, nel momento in cui saranno mature le condizioni politiche per farlo. A favore dell’intenzione di Pedrotti si esprime anche Franco Dal Mas (Pdl). Walter Manzon (Pd) giudica completamente raggiunto l’obiettivo della mozione nel momento in cui si annuncia un Consiglio comunale aperto. Pedrotti ringrazia tutti gli intervenuti, insistendo sull’importanza di un Consiglio comunale aperto sulla questione universitaria, anche perché – dice – forse il legame tra la presenza universitaria e la città si è un po’ perso ed è bene rinsaldarlo [VIDEO].

20.40 – Mozione 8/2012 della maggioranza sul conferimento della cittadinanza simbolica ai figli di immigrati stranieri nati in Italia e residenti in città. Viene presentata da Marco Salvador (Il Fiume), che si ispira alla provocazione del presidente della provincia di Pesaro Urbino Matteo Ricci, benedetta tra gli altri dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. In assenza di una svolta formale, la maggioranza chiede un forte impegno culturale e civile sull’argomento, che culmini in un’importante cerimonia pubblica e che coinvolga anche il Consiglio comunale dei ragazzi, ponendo le basi per un nuovo patto di cittadinanza [VIDEO]. Ampie aperture sulla proposta da parte dell’assessore Flavio Moro, nel suo intervento di risposta [VIDEO]. Giovanni Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) ricorda “il mosaico” proposto dalla sua coalizione in campagna elettorale, per tener conto della quantità di popolazioni che compongono oggi la nostra comunità. A prescindere dalle virgole, il principio è talmente forte – dice Del Ben – che il voto del suo gruppo non può che essere positivo [VIDEO]. Francesco Ribetti (Pdl) reputa si potesse tranquillamente fare a meno di discutere questo argomento. Un pezzo di carta, dice, può forse pulire la coscienza di qualcuno, ma non dimostra certo accoglienza nei confronti dei figli degli immigrati, né impegna in alcun modo amministrazione e istituzioni (a cominciare dalle scuole) a fare in modo che l’integrazione sia reale e semmai possa migliorare. Conclude annunciando la sua astensione dal voto, perché non può che essere contrario al tentativo di targa politica agli elettori di domani (e abbandona l’aula, dove ormai i banchi dell’opposizione sono sempre più vuoti) [VIDEO]. Gregorio Martino (Pd) nota come la partecipazione attiva dei nuovi italiani sia sempre più importante, in considerazione del calo demografico nelle famiglie italiane. Concedere diritti è  un fatto culturale, di civiltà e giustizia [VIDEO]. Giacomo Manfrin (Il Fiume) insiste sull’ispirazione della mozione, ricalcando i temi già esposti in precedenza da Salvador [VIDEO]. Giovanni Zanolin (Il Ponte) non nega il voto a favore a prescindere, perché ne coglie la tensione ideale, tuttavia mette in guardia dal compiere operazioni simboliche senza la dovuta attenzione: “Operare sui simboli mette in gioco dinamiche inconscie e molto profonde, dunque doppiamente delicate. Attribuite ad altre culture significati che non necessariamente appartengono loro o comunque possono assumere valenze diverse”. Zanolin nota come si sia entrati in una fase dell’immigrazione profondamente diversa, non più contraddistinta dai grossi flussi, ma dalla demolizione del tessuto sociale che abbiamo contribuito a costruire perché crescono le incertezze e le possibilità di partecipare alle occasioni di integrazione. Cita dati in controtendenza, che vedono un allontanamento degli immigrati dal centro città e che testimoniano un incrudimento dell’integrazione, non certo un miglioramento [VIDEO]. Riccardo Piccinato (Lega Nord) discute la mozioni a partire dai termini: “Seconda generazione? Che cosa vuol dire, ci sono integrazioni che partono dalla prima generazioni e altre che non sono tali nemmeno nella seconda. E poi perché partire dai ragazzi? Perché invece di rilanciare il nostro sistema sociale ci poniamo il problema di favorire l’immigrazione?”. La legge attuale è già sufficiente, dice Piccinato, non c’è bisogno di altre iniziative. Anche perché, insiste, nessuno percepisce il valore di qualcosa che viene regalato e che non deve essere invece essere conquistato. “Queste persone parlano, pensano, sognano in italiano? Dobbiamo verificarlo, non è qualcosa che possiamo dare per acquisito”. Definisce “pagliacciate pericolose” le cerimonie di consegna della cittadinanza simbolica, che discriminerebbe tra i nati in Italia e i nati altrove, accentuando differenze. Cita Cameron e Merkel per sostenere che l’integrazione non si fa con iniziative “burlesque”, ma con politiche ferme e condizioni chiare [VIDEO]. Roberto Freschi (Vivo Pordenone) risponde irritato a Piccinato, censurandolo sui termini usati per descrivere una mozione che nasce dalla serietà e dalla motivazione ad affrontare i problemi. Lo spirito, dice, è che questa mozione non sia semplicemente della maggioranza, ma che unisca in una discussione approfondita l’intero Consiglio. Sottolinea il coinvolgimento del Consiglio comunale dei ragazzi, parte di uno sforzo culturale importante che dai ragazzi viene trasmesso ad altri ragazzi. Da figlio di immigrati, Freschi cita il confronto tra le culture come un arricchimento. Il problema è semmai governare questi confronti, accogliendo lo stimolo di Zanolin a ripensare le politiche e gli strumenti dell’immigrazione di fronte ai cambiamenti in corso. La Costituzione non è qualcosa che diamo loro perché imparino, aggiunge Freschi, ma qualcosa che condividiamo e che per primi dovremmo tenere ben presente [VIDEO]. Alberto Rossi (Api) richiama le considerazioni di Zanolin, auspicando che ai gesti simbolici si accompagnano azioni concrete. Accoglie (e voterà positivamente) la mozione come uno stimolo forte a costruire insieme le regole della convivenza, perché di tensioni alla divisione la nostra società oggi non ha bisogno. La prima occasione, dice Rossi, sarà già nella discussione per il nuovo Piano regolatore, che dovrà impedire la nascita di zone a sovranità limitata [VIDEO]. Dario Zanut (Il Fiume) rassicura Zanolin sul valore simbolico della mozione, che ha lo scopo di affrontare una questione complessa e che certo non può dirsi superata, tanto meno di fronte alla crisi che stiamo attraversando [VIDEO]. Franco Dal Mas (Pdl) prende atto del fatto che il suo gruppo non parteciperà al voto: “mi sono distratto un attimo e si sono smaterializzati”, dice ironizzando sui banchi del centrodestra al momento rappresentati soltanto da lui e da Piccinato. Motiva l’astensione valutando la mozione strumentale e mal posta. “Sento di appartenere a un paese e a una città che è accogliente per definizione, non mi risulta ci sia un problema di accoglienza”, dice Dal Mas, chiedendosi se dunque questa cerimonia la si vorrebbe per celebrare semmai uno stato di fatto e quale vantaggio avrebbe un figlio di immigrati dal ricevere una cittadinanza simbolica. Pone infine un problema di fondo del Consiglio comunale, che continua a perdere l’opportunità di discutere al momento opportuno questioni di più forte attualità e che dovrebbe invece dotarsi di una struttura dell’ordine dei lavori che sia più pregnante [VIDEO]. Sandro Del Santo (Pd) nota come i migliori studenti in alcune scuole locali siano proprio i figli di extracomunitari. Pone il problema dal punto di vista dei costi: “Uno Stato investe un sacco di soldi nella formazione, li porta a sue spese a un passo del mondo del lavoro, e poi li abbandona proprio nel momento in cui compiono 18 anni?”. [VIDEO] Mario Bianchini (Il Fiume) chiude la discussione apprezzando la ricchezza della discussione e dando un valore positivo all’assenza delle opposizioni, perché se l’avessero considerata negativa quanto meno sarebbero rimasti a votare contro [VIDEO]. Pedrotti si tiene l’ultima parola per ricordare le esperienze fatte quest’anno durante il Consiglio comunale dei ragazzi, nel corso del quale si è lavorato anche sul concetto di cittadinanza. “Il simbolo che emerge nelle discussioni di questi ragazzi è perfino più alto e più largo di quanto sia emerso nelle nostre discussioni questa sera.” Sull’immigrazione che cambia, intende portare la discussione all’interno del lavoro sui piani di zona, perché è evidente come l’immigrazione abbia sempre meno a che fare con l’emergenza dei grandi flussi e sempre più con una stabilizzazione delle famiglie sul territorio [VIDEO]. Tocca alle dichiarazioni di voto [VIDEO]. Del Ben (Idv/Sel/Del Ben) si dice deluso che si arrivi al voto: vista l’alta adesione, la Giunta avrebbe potuto fare sua la proposta. Piccinato (Lega Nord) risponde alle critiche raccolte dal suo intervento, sostenendo tra l’altro come l’idea che il suo partito sia xenofobo venga smentito dal fatto che le migliori esperienze si registrino proprio in amministrazioni a guida leghista, come Treviso. Infine si vota, anche se dai banchi delle minoranze di centrosinistra si levano inviti al sindaco a far propria la mozione. La mozione viene approvata con 27 voti favorevoli e 1 contrario [VIDEO].

22.40 – Nisco Bernardi chiude la seduta e augura buone vacanze ai consiglieri. Il Consiglio riprenderà le attività in settembre [VIDEO].

Napolitano, il discorso integrale di Bernardi

Buon giorno Signor Presidente
Buon giorno a tutti i presenti.

Vi ringrazio per essere qui oggi a questo importante appuntamento per la città di Pordenone. Signor Presidente della Repubblica, voglio esprimere a nome di tutto il Consiglio comunale di Pordenone l’estremo piacere di poterla avere qui con noi quest’oggi.

La voglio ringraziare per aver voluto onorare, con la sua presenza, questo luogo ove da quasi settecento anni si esercita la democrazia.

Lei, Signor Presidente, rappresenta per tutti noi un grande punto di riferimento istituzionale e forse ancor di più morale.

Lei è, in questo momento particolarmente severo e difficile per il nostro Paese, un protagonista fondamentale per la nostra vita democratica, ed ha rappresentato, e continua a rappresentare, soprattutto agli occhi delle giovani generazioni, un esempio da imitare per poter ottenere un futuro migliore per il nostro Paese.

Ha infatti svolto in questi anni, in ogni occasione ed in modo esemplare, la funzione essenziale e propria alla quale il Suo incarico costituzionale è preposto: mantenere l’equilibrio nel sistema politico costituzionale del Paese e tutelare l’osservanza della nostra Costituzione.

Con il Suo operato ha garantito, nel modo più alto ed efficace, quell’ordine di valori che si riassumono nella politica costituzionale, la quale attiene agli interessi non transeunti della collettività tutta intera.

Lei rappresenta infatti l’unità nazionale ed è inoltre, non solo il custode della nostra Costituzione, ma anche il controllore e, nei limiti a Lei assegnati, anche il promotore della sua applicazione.

Le rivolgo pertanto i sentiti ed affettuosi ringraziamenti per l’opera da Lei svolta in questi anni per il bene del Paese e di tutti noi cittadini, funzione svolta con altissimo senso del dovere e, credo di non sbagliarmi, con molto sacrificio.

RingraziandoLa nuovamente per essere qui con noi quest’oggi, formulo altresì l’auspicio e l’augurio di poterLa rivedere in futuro in questa città anche da privato cittadino.

Rivolgo infine un augurio di buona fortuna al nostro Paese per un rapido e netto miglioramento della situazione economica, sociale e politica, esprimendo nel contempo la ferma convinzione che vi siano all’interno del nostro Paese tutte le risorse necessarie e sufficienti per poter superare questa grave e, per certi versi, drammatica situazione.

Grazie a tutti e Viva l’Italia.

Il Presidente del Consiglio comunale di Pordenone
Nisco Bernardi

Napolitano, il discorso integrale di Pedrotti

Signor Presidente della Repubblica,
la città di Pordenone è orgogliosa di accogliere e salutare il Presidente della Repubblica Italiana.

Il terremoto accaduto in Emilia Romagna, che ha colpito così duramente quelle terre, ci impone di iniziare questo incontro con un atto di vicinanza nei confronti delle famiglie delle vittime e di solidarietà per chi ora deve affrontare il dopo: il Friuli ha conosciuto da vicino cosa vuol dire una tale esperienza e di quanta forza sia necessaria per reagire: ma sa anche quanto sia importante la solidarietà degli altri e il loro aiuto fattivo.

Tutto questo accade in un momento di grande cambiamento per il nostro paese. Cambiamento che tocca in modo profondo anche questa città e la nostra comunità.

Siamo inseriti in un contesto internazionale nel quale tutti i nostri modelli sono destinati ad essere profondamente rivisti, ricostruiti e riproposti.

Abbiamo avuto un lungo periodo in cui l’individuo, l’io isolato al centro della vita economica, è stato visto come libero di perseguire il proprio interesse, nella convinzione che la interazione senza regole di tali interessi sarebbe stata capace di dare il massimo a tutti, quasi magicamente.

Dal sogno ci siamo svegliati quando abbiamo visto gli scatoloni dei broker della Lehman Brothers con i quali lasciavano i loro uffici.

La realtà ci costringe oggi a riscoprire comportamenti che sostituisco il noi all’io, la condivisione alla divisione, la cooperazione alla frammentazione.

I nuovi principi necessari per affrontare la crisi vedono nella reciprocità, solidarietà e socialità i nuovi valori fondanti.

La transizione che stiamo affrontando, in questo cambio di paradigma, sarà lunga e dura. Ci coinvolgerà tutti e, alla fine, tutti saremo diversi.

La crisi tocca oggi in particolare i più deboli ed, ancor di più, i nostri giovani. Come istituzioni, dobbiamo essere loro vicini, non lasciarli soli e far sì che le nuove generazioni siamo quelle che guidino questo cambio di modello indispensabile per il paese. Le istituzioni, mai come oggi, debbono mostrare la loro solidità e presenza, con la sobrietà che i nostri tempi esigono e che debbono rispecchiarsi in una politica rinnovata e vicina al cittadino.

Grazie, Signor Presidente, per la determinazione e la forza con cui ha guidato, con il rispetto delle sue prerogative, il paese in momenti così difficili, garantendone la coesione, individuando le soluzioni più adatte alle necessità del momento e iniziando il rinnovamento.

I cittadini di Pordenone le saranno sempre grati per ciò che ha fatto e farà e vogliamo condividere la nostra gioia di averlo come nostro ospite qui, nella città del gonfalone dalle porte aperte.

Il Sindaco di Pordenone
Claudio Pedrotti

Corsi e ricorsi storici

«Mi scuso con tutti perché non riuscirò a trattenermi a Pordenone. Debbo rientrare a Roma per incontrare i presidenti delle Camere e il presidente del Consiglio per le questioni del terremoto e gli aggiustamenti per il 2 giugno.»

Giorgio Napolitano, 30 maggio 2012

«1884, 5 settembre. Sua Maestà il re (Umberto I, ndr) giunge a Venezia per venire il giorno 7 a Pordenone (a visitare le grandi corse militari in Comina, ndr). Ma ricevute gravi notizie da Napoli, flagellata dal cholera, dopo due giorni, parte per quella città insieme a Sua Altezza Reale il principe Amedeo. Molti giornali asserirono che il re aveva telegrafato al nostro sindaco: “A Pordenone si fa festa, a Napoli si muore. Vado a Napoli”.»

Tratto da Vendramino Candiani, Pordenone. Ricordi cronistorici, 1901

Il discorso (mancato) di Nicola Zille

Pubblichiamo il testo del discorso che il nuovo presidente del Polo Tecnologico di Pordenone Nicola Zille avrebbe tenuto questo pomeriggio di fronte al Presidente Napolitano, se la visita non fosse stata ridotta a causa dell’emergenza terremoto.

 

In questi momenti, è crescente, e perfino esplosiva la sensazione diffusa di sfiducia, alimentata dalla durezza necessaria delle terapie: la gente non crede più che ci sia qualcuno in grado di risolvere i problemi, e l’effetto è disgregante. Alla fine, dove non è lo Stato in sé ad essere messo in discussione, lo sono alcuni elementi cardine di convivenza civile, di unità, e si apre la corsa dei soggetti individuali ad assicurarsi il posto sulla scialuppa. Una politica progettata come il Titanic: non ci sono scialuppe di salvataggio per tutti, qualcuno dovrà affondare se la nave affonda; di qui il panico, il si salvi chi può, la guerra fra poveri, fra minoranze, fra privilegiati e non. Ciò solo per capire come la capacità di innovazione, che tanti soggetti economici e di impresa hanno nel loro DNA, rischia di finire per essere scoraggiata, inutile, fino a non rappresentare più un valore riconoscibile. Quindi assente nella politica che rifiuta di rinnovarsi. Comunque indietro rispetto al Paese.

Abbiamo vissuto periodi peggiori. Certo non era facile intraprendere quando Andrea Galvani, inventore, scienziato, imprenditore, pose qui le basi della sua azienda e del nostro sviluppo industriale. Non deve essere stato facile nel secondo dopoguerra ripartire con rinnovata tensione creativa, quando Lino Zanussi decise di internazionalizzare la piccola azienda di famiglia. Da allora questa provincia non s’era più fermata, ragion per cui questa crisi stride ancor di più con quelle che per noi sono naturali pulsioni verso il progresso. Pulsioni che sono rimaste intatte e qui riaffiorano come un fiume carsico.

È con quest’animo, caro Presidente, che siamo lieti di accoglierLa qui, in questo luogo di studio, di ricerca, di impresa, che abbiamo inaugurato solo un anno fa, inserendo quell’evento all’interno dei festeggiamenti per il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia, da Lei così tenacemente voluti.

Fu allora definito il Polo dei miracoli, perché da anni è presieduto da un presidente e da un consiglio di amministrazione, rappresentanti di istituzioni pubbliche, di imprenditori e di banche, senza alcun compenso: fin dal suo Fondatore l’avvocato Oliviano Spadotto, delle cui intuizioni ancora ci fregiamo, per arrivare all’onorevole Michelangelo Agrusti, instancabile tessitore di relazioni e visioni strategiche, che con grande sensibilità ha ritenuto opportuno lasciare la Presidenza del Polo Tecnologito, dopo la sua nomina a Presidente di Unindustria della Provincia di Pordenone: per me veri maestri.

Polo dei miracoli, dicevamo, perché lo abbiamo realizzato in tredici mesi, ben sei mesi prima di quanto era stato previsto; perché nella sua realizzazione abbiamo risparmiato tre milioni di Euro che abbiamo restituito alla Regione; perché prima ancora che fosse terminato, tutti i laboratori erano già stati opzionati da giovani ricercatori, start-up, imprese innovative; perché si è sperimentato quello che abbiamo definito “volontariato tecnologico”, e cioè tempo gratuitamente messo a disposizione da managers di Ricerca & Sviluppo nelle nostre migliori aziende, a sostegno dei giovani ricercatori e delle giovani imprese.

Ma per noi questa è solo normalità, e ancora ci emoziona. Vogliamo pensare che tante normalità come questa rappresentino l’indizio di una volontà  tenace e positiva, presente in tante parti della nostra Regione e del nostro Paese, che si oppone con determinazione ed ottimismo all’idea cupa di un inesorabile declino.

A distanza di un anno dall’edificazione della nuova sede sono i numeri la testimonianza più vivida di questa realtà:

  • 43 imprese insediate di I livello;
  • 50 imprese insediate di II livello;

di cui 43 nuove insediate nell’ultimo anno (da luglio 2011).

I progetti ad oggi in essere sono 14 (regionali ed europei) senza annoverare i molti in fase d’istruttoria.

Grazie a questi progetti, che ci hanno permesso di instaurare rapporti di conoscenza con centri di ricerca e università estere di primo livello, il Polo è oggi attore attivo di partenariati internazionali con 3 progetti europei all’ultimo step di valutazione.

300 giovani hanno partecipato alle iniziative del Polo solo nell’ultimo anno, in attività di imprenditorialità a supporto di avvio di impresa.

Coltiviamo collaborazioni strette e continuative con  parchi tecnologici e scientifici: Area Science Park, Friuli Innovazione, Agemont; con tutti i Distretti economici del nostro territorio e non solo, con Keymec.

Ogni giorno alimentiamo i collegamenti, che riteniamo strategici, con le Università di Udine e Trieste, con il Consorzio Universitario di Pordenone, con gli istituti tecnici territoriali, quali il Kennedy (siamo soci fondatori della Fondazione ITC), culle dei nostri giovani talenti.

Abbiamo esteso la nostra rete di relazioni a livello europeo con i più importanti centri, quali: il Fraunhofer Institute Germania, Il Centro di Riferimento Oncologico di Aviano, i Politecnici di Milano e Torino, solo per citarne alcuni.

È così che i nostri insediati al Polo, ogni giorno, praticano la fatica di declinare in modo moderno l’articolo uno della Costituzione: L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro… Serve uno sforzo creativo e immaginativo perché il lavoro nel presente riesca a trovare la sua giusta collocazione. Ed è questo sforzo che sta trasformando la nostra provincia da semplicemente produttiva a ideativa. Pordenone è una fabbrica di idee, e dovrà in futuro essere sempre più un punto di riferimento per chi vuole esercitare la gioia quotidiana della cittadinanza, in modo pieno e partecipato.

Se ancora ci muove l’animo dei padri fondatori dell’Italia e del Friuli Venezia Giulia, allora nessuno potrà sottrarsi alla responsabilità di ricomporre il quadro che per cinquant’anni ha garantito lo sviluppo pacifico di questa Regione e del nostro Paese. Certo, non con gli stessi strumenti, ora tecnicamente improponibili, ma facendo tesoro del clima propizio alle riforme, non rinviabili, che ha imposto la crisi. Sarebbe un errore imperdonabile accettare la logica sommaria dell’eliminazione di tutto ciò che appare non indispensabile, per il solo fatto di avere in dispetto un’intera classe politica. O peggio rincorrere, su questo piano, le sole proposte della politica nazionale, che per sua natura non può cogliere le diversità di tutte le comunità.

Dovevano aver ben chiara la nostra complessa alchimia – se non tecnicamente nei suoi aspetti etnici, culturali, linguistici, sicuramente non era sfuggita la complessità sociale che le comunità della nostra Regione, nei secoli sedimentate, mostravano  – coloro che contribuirono al varo della Legge costituzionale 31 gennaio 1963 n. 1, con cui veniva promulgato lo Statuto Speciale della Regione Friuli Venezia Giulia, se compresero la necessità di andare ben oltre il portato dello “Statuto scritto”.

La specialità ci concede il lusso di poter ridisegnare, in autonomia, l’impianto istituzionale di questa Regione. Malgrado il difficile momento, anzi, proprio per questo abbiamo il dovere di farlo. Esempi virtuosi non mancano: si tratta di tagliare su misura nuove vesti che tutti ci dovremo sentire bene addosso, come sacerdoti di una Gerusalemme ricomposta, ma nel rispetto di ciascuna liturgia.

La liturgia che pratichiamo, qui ogni giorno, è la liturgia del lavoro, e la pratichiamo ancora con una “baldanza” che ci distingue, così come amava dire Pier Paolo Pasolini:

“(…) essersi spostati verso la più progredita Venezia li riempie di una baldanza incapace di dubbi: e li fa una delle genti più liete d’Italia. Eccoli compensati: se da secoli nessuno di loro è passato alla storia, tuttavia il lavoro e la gioia quotidiani dà loro un ebbro senso di immutabilità”.

Sarà anche per questo ebbro senso d’immutabilità, se qui continuiamo pacifici ad investire sul futuro; nostro e delle generazioni che verranno dopo di noi. Il Polo Tecnologico è oggi la testimonianza avanzata di un modo nuovo di concepire il sistema statuale: al servizio delle imprese, dei lavoratori, dei giovani studenti. E’ incardinato profondamente nelle istituzioni dello Stato; sui paradigmi dell’efficienza, dell’efficacia, dell’economicità, della competitività, della sostenibilità, ha fondato la propria visione. Qui, pubblico e privato si confondono, al punto che chi vi parla, pur essendo uomo della politica, è stato individuato dalle categorie economiche a reggere l’organo di governo di questa società.

Caro Presidente, vorremmo che anche in questi giorni difficili Lei portasse con sé questo segno di speranza, di un’Italia che non si arrende, che sa stare insieme, che sa lavorare ed innovare insieme, che sa tenere insieme esperienza e novità, che ha passione, gratuità, volontà ed intelletto. È l’Italia che nei momenti difficili sa stringersi a coorte… sa mettere insieme geografie, generazioni, mondo delle imprese e delle scuole. L’Italia che ce la farà.

Sono certo che mi perdonerete, anche Lei Presidente, se termino questo mio intervento di benvenuto con una citazione:

“Il problema della disoccupazione di massa , strutturale, di lungo termine, che a metà degli anni ottanta appariva ormai radicato nelle nostre società europee si colloca a cavallo di molteplici fenomeni e presenta le più diverse facce. Accanto alla perdita del posto di lavoro per effetto del ridimensionamento di settori produttivi tradizionali e del ricorso a tecnologie più avanzate, il rifiuto di lavori pesanti o mortificanti; accanto al divario tra qualifiche professionali richieste e qualifiche disponibili sul mercato; la persistente rigidità di concetti e di norme in materia di posto di lavoro e tempi di lavoro; (…).” (Tratto dal saggio: “Oltre i vecchi confini”, Mondadori 1989, Giorgio Napolitano)

Caro Presidente, noi ce la faremo ancora, ce la dobbiamo fare, e tutti assieme…

Il Presidente del Polo Tecnologico di Pordenone
Nicola Zille

Napolitano a Pordenone, ridotta la visita

Come si temeva, l’emergenza terremoto ha costretto a rivedere il programma del Presidente della Repubblica, che rientrerà a Roma già a fine mattinata. Confermato l’arrivo in città e l’incontro in Municipio, ma al termine del momento istituzionale il corteo presidenziale accompagnerà Giorgio Napolitano direttamente all’aeroporto di Aviano per la partenza. Annullati dunque il pranzo all’Albergo Moderno e l’incontro con gli imprenditori al Polo Tecnologico.

Leggermente rivisto, di conseguenza, il programma dell’incontro istituzionale, a cui parteciperanno anche il presidente del Polo Tecnologico Nicola Zille e il presidente di Unione Industriali Michelangelo Agrusti. Spostato in Municipio anche il breve incontro con la delegazione dei Comuni interessati dal disastro del Vajont, che inviteranno il Presidente alle celebrazioni per il cinquantesimo anniversario della tragedia. Tra le 12 e le 13 Giorgio Napolitano lascerà Pordenone.

Napolitano a Pordenone, informazioni utili

La visita del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in città domani, 30 maggio, è al momento confermata è confermata soltanto per l’incontro in Municipio con le istituzioni (vedi aggiornamento successivo). 

Il programma. Il Capo dello Stato incontrerà il Sindaco, la Giunta comunale, il Consiglio comunale e i rappresentanti istituzionali del territorio in Municipio intorno alle 11.15. Dopo una sosta per il pranzo all’Albergo Moderno, nel pomeriggio si recherà al Polo Tecnologico, dove parlerà al mondo dell’imprenditoria, prima di recarsi all’aeroporto militare di Aviano, da dove Napolitano ripartirà per Roma.

Il percorso. Il corteo presidenziale arriverà da Cargnacco (UD), dove in mattinata il Presidente renderà omaggio al monumento ai caduti, ed entrerà in città dall’uscita autostradale dell’A28. Percorrerà viale Treviso (Fiera), via Pola, via Riviera del Pordenone, entrerà contromano in viale Martelli e piazza Giustiniano (Tribunale), proseguirà per piazza XX Settembre, piazza Cavour, risalirà corso Vittorio Emanuele e si fermerà a un centinaio di metri dal Municipio. Terminato l’incontro, il Presidente si recherà all’Albergo Moderno (verosimilmente percorrendo in auto corso Vittorio Emanuele, piazza Cavour e piazza XX Settembre). Dopo la sosta, il corteo lascerà la città verso le 15.45 passando per via Cossetti, piazza Risorgimento, viale Dante, viale della Libertà, viale Venezia (Pontebbana), via Montereale, viale Roveredo, per giungere al Polo Tecnologico. Proseguirà infine tra le 17 e le 18 verso Aviano lungo la Strada Provinciale 7.

Risorse in rete:

Napolitano a Pordenone, lettera del sindaco

Cari concittadini,
ho il grande piacere di informarVi che il Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano sarà in visita ufficiale nella nostra città mercoledì 30 maggio.

Per tale straordinaria occasione, rivolgo un  caldo invito affinché la città mostri il suo volto migliore attraverso una particolare attenzione alle condizioni di decoro e cura e ciò in special modo  lungo il percorso della visita.

Per rendere tutto maggiormente festoso e per significare la profondità del legame  di Pordenone con il Presidente di tutti gli italiani, sarebbe quanto mai auspicata l’esposizione della bandiera tricolore alle finestre delle abitazioni  e nelle vetrine dei negozi.

Al bisogno, presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune, dalle ore 8.00 alle ore  19.30 di tutti i giorni, sabato escluso, è possibile provvedere al ritiro di bandiere messe a disposizione per lo scopo.

Necessariamente questo graditissimo e importante appuntamento per la nostra città comporterà alcune modificazioni dell’abituale svolgimento della vita della città, in particolare relativamente alla viabilità ed ai servizi di trasporto pubblico nelle zone interessate dalla visita.

Sono peraltro certo che il realizzarsi di questo evento così atteso e l’alto significato della visita possano compensare ampiamente qualche piccola modifica delle abitudini quotidiane.

Ci prepariamo dunque, numerosi, ad accogliere con calore il “nostro” Presidente.

L’Amministrazione comunale è grata fin d’ora alla cittadinanza per la collaborazione e per le manifestazioni di cordiale benvenuto che vorrà riservare all’illustre ospite.

Il Sindaco
Claudio Pedrotti

Tutte le informazioni di servizio sono disponibili sul sito del Comune

Napolitano a Pordenone, variazioni ai servizi

È confermata la visita del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a Pordenone mercoledì prossimo 30 maggio. In attesa del programma definitivo, si sa che il Capo dello Stato arriverà in città intorno alle 11 e percorrerà alcune vie del centro per giungere in Municipio, dove si terrà l’incontro con le istituzioni del territorio. Quindi il Presidente pranzerà all’Albergo Moderno, dove riposerà anche per un’ora circa. Nel primo pomeriggio Napolitano è atteso al Polo Tecnologico, dove parlerà agli imprenditori. Infine il trasferimento all’aeroporto militare di Aviano, da dove l’aereo presidenziale partirà per Roma.

Il primo effetto della visita di Giorgio Napolitano a Pordenone è la variazione di alcuni servizi e l’anticipo del mercato a martedì 29 maggio, come comunicato dal Comune di Pordenone.

Questo importante appuntamento per la città comporterà alcune variazioni in materia di viabilità, parcheggi, trasporto pubblico e servizi di pubblica utilità.

Per consentire al corteo presidenziale di raggiungere il municipio, nel corso della mattinata la viabilità del centro cittadino subirà alcune importanti modifiche, per il tempo che l’organizzazione riterrà opportuno. Durante il passaggio del corteo sarà inoltre inibita l’entrata e l’uscita dal parcheggio del Tribunale. Sarà un’ordinanza dirigenziale a stabilire nelle prossime ore i dettagli, che verranno tempestivamente resi noti.

Per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti, il servizio non subirà variazioni, tuttavia lungo il tragitto del corteo i contenitori “Napo” dovranno essere ritirati immediatamente dopo il passaggio della GEA. In caso contrario il personale incaricato li rimuoverà.

Anche il servizio di trasporto pubblico urbano, in particolare la “Linea rossa”, potrà subire variazioni di percorso e orario. La postazione dei taxi di piazza XX Settembre sarà sospesa dalle 8 alle 14 e il servizio sarà regolarmente svolto presso la stazione ferroviaria.

Il mercato ambulante di mercoledì verrà anticipato a martedì 29 maggio, con le consuete modalità.

Durante la mattinata del 30 maggio tutti gli uffici comunali del palazzo municipale saranno chiusi al pubblico. Per recuperare il servizio saranno aperti in via straordinaria lo stesso giorno dalle 14.30 alle 16.30. Tale provvedimento interesserà in particolare i servizi tributi, urbanistica ed edilizia e attività commerciali. Si precisa che l’Anagrafe sarà regolarmente aperta.

Per rendere accogliente la città in questa occasione e per significare la profondità del legame di Pordenone con il Presidente di tutti gli italiani, l’amministrazione auspica l’esposizione della bandiera tricolore alle finestre delle abitazioni e nelle vetrine dei negozi.

Al bisogno, presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune (piazzetta Calderari 1) dalle 8 alle 19.30 di tutti i giorni sabato escluso, è possibile provvedere al ritiro di bandiere messe a disposizione per lo scopo.

[Maggiori informazioni sul sito del Comune di Pordenone]